Dal blog di Giovanna Mulas: La distrazione delle Masse: come distinguere il vero dal falso?

18222642_772326909612678_1401549447733042492_nConcretamente: un uomo può dirsi ‘libero’ quando ha libero accesso a cibo e bevande, vestiario, un tetto sotto il quale dormire, sanità, istruzione, un lavoro degno. 

Quando ha libero accesso a un’informazione non falsata, di parte.

Oggi in quanti possono dirsi ‘liberi’? La maggior parte delle spiegazioni di uno Stato non in grado di garantire vita degna a un Uomo continuano a rappresentare, per me, giustificazioni. Voglio ricordarti che principio del controllo sociale è la strategia della distrazione: si devia l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dalle modifiche decise dalle élite politiche ed economiche (Fmi, Banca Mondiale, Ocse, Wto, banche centrali) tramite la tecnica ‘del diluvio’ o inondazioni di continue ‘distrazioni’, di informazioni insignificanti. Per dirla allaTimsit: “…Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali”. Principale fonte finanziaria dei partiti politici di ogni tendenza nella maggior parte dei paesi, le élite economiche, di fatto, hanno già stabilito la fine della democrazia: sono al di sopra delle leggi e del potere politico, il potere di uno Stato è ridotto ad una dimensione nazionale.

C’è da dire che la democrazia in Italia è scomparsa quando è andato al governo Mario Monti, designato dai burocrati seduti a Bruxelles, non da elettori. Puro autoritarismo neo-feudale; puntiamo alla distruzione delle democrazie in Europa, le terribili conseguenze sono dittature.

La nostra esistenza oggi ci priva del tempo di capire, studiare e attivarci contro la barbarie del Potere, ci toglie l’autostima per essere liberi pensatori. La paralisi odierna delle masse occidentali, frutto di 35 anni di “esistenza commerciale” e “cultura della visibilità massmediatica”, ha eroso la psiche collettiva; è fenomeno che vede la luce negli anni ’70: la nostra è umanità in addormentamento oppiaceo. La più grave minaccia alla capacità di organizzazione collettiva contro i poteri.

Dicevamo su La strategia della distrazione… è anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia, la cibernetica. Il pubblico è stordito, frastornato: la sua attenzione è deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza; un telegiornale contiene al massimo 2 o 3 minuti di vera informazione, il resto è costituito da soggetti da rivista, servizi aneddotici, reality show del quotidiano.

Precarietà del lavoro e mantenimento di un alto livello di disoccupazione, intrattenuti tramite decentramento e mondializzazione del mercato del lavoro aumentano la pressione economica sui lavoratori, costretti ad accettare qualsiasi stipendio o condizione di lavoro.

Qualche povero sognatore continua a rimanere convinto che la libertà quindi la verità si faranno comunque strada e senza la nostra personale esposizione. Ma non è così…no. La verità riesce a imporsi nella misura in cui noi la imponiamo; la vittoria della ragione non può essere che la vittoria di coloro che ragionano.

La liberazione è un atto storico, attuata da condizioni storiche, dallo stato dell’industria, del commercio, dell’agricoltura, delle relazioni.
(…) Consideriamo il fatto che una Letteratura apartitica non esiste, così come non esiste un’ Arte apartitica: dichiara ciò chi sostiene comunque il più forte e il più forte mai vorrà consapevolezza e riflessione nella massa: la riflessione, la conoscenza dei propri diritti porta lo schiavo a rompere le catene, porta al dissotterramento della realtà, porta alla ribellione verso le ingiustizie.

…CONTINUA SU: https://giovannamulasufficiale.blogspot.it/2014/10/la-distrazione-delle-masse-come.html?spref=fb

 

Si chiamano emozioni… di Girolamo Melis

Schermata 2017-08-02 alle 23.32.07Eravamo un Popolo.
Eravamo Medici e la Democrazia ci ha ridotti a Operatori Sanitari. Eravamo Spazzini e la Democrazia ci ha ridotti a Operatori Ecologici. Eravamo Costruttori e la Democrazia ci ha ridotti ad SubAppaltatori. Eravamo Poveri e la Democrazia ci ha ridotti a Miserabili. Eravamo Artigiani e la Democrazia ci ha ridotti a Suicidi. Eravamo Vecchi e la Democrazia ci ha ridotti a Anziani/Terza Età. Eravamo Padre e Madre e la Democrazia ci vuole ridurre a Genitore Uno e Genitore Due. Eravamo Morti e la Democrazia ci ha ridotti a Senza Vita. Eravamo Puttane e la Democrazia ci ha ridotte a Operatrici del Sesso. Eravamo Italiani e la Democrazia ci ha ridotti a It’alièni.

A Roma sì.
Ora sei qui a Roma. Stai per entrare in qualche Chiesa, in qualche Millennio da scoprire ma… scopri che la gente per la strada, invece di andare dove deve andare… sì, ci va ma… ti guarda. Magari ti salutano. Ma dove sei capitato? Decidi di fermarti qualche giorno senza entrare  nemmeno in un Museo e ti accorgi che gli abitanti di
questa città hanno delle facce al posto delle maschere. E che lavorano. Sì, con quell’aria di campioni mondiali del tirare a campare, sono lavoratori implacabili. Questa non te l’aspettavi, vero? Peccato. E allora, già che ci sei, sta’ attento a quella frasetta che si dice solo a Roma… Hai  presente quando a Milano si dice: “E’ impossibile!” e a Londra si dice: “It’s impossible!”? Ecco qui, difronte ad un ostacolo della Madonna, ad un problema che
improvvisamente sempra insolubile… un Romano ti guarda e ti fa: “Se po’ ffà”.
A Roma sì, se po’ ffà.

La Gloria.
Da una Lettera di Platone al tiranno Dioniso: “…se tu onori me, la gloria sarà di entrambi; se io onoro te, entrambi ne avremo vergogna. Su questo argomento abbiamo detto abbastanza.”

…CONTINUA SU: http://www.girolamomelis.it/2017/08/si-chiamano-emozioni-volte-rispondono.html

“Elogio alla morte” – di Alda Merini

 

027Truppe Karl - Partita a scacchi con la morte (1942)Se la morte fosse un vivere quieto,
un bel lasciarsi andare,
un’acqua purissima e delicata
o deliberazione di un ventre,
io mi sarei già uccisa.
Ma poiché la morte è muraglia,
dolore, ostinazione violenta,
io magicamente resisto.
Che tu mi copra di insulti,
di pedate, di baci, di abbandoni,
che tu mi lasci e poi ritorni senza un perché
o senza variare di senso
nel largo delle mie ginocchia,
a me non importa perché tu mi fai vivere,
perché mi ripari da quel gorgo
di inaudita dolcezza,
da quel miele tumefatto e impreciso
che è la morte di ogni poeta.

Alda Merini

*Quadro “Truppe Karl – Partita a scacchi con la morte (1942)” liberamente tratto da: http://www.guidecampania.com/dellaragione/articolo47/articolo.htm

Alla memoria di Chris Cornell… di Giancarlo Fattori

UN DOLORE DI PAGINE STRAPPATE

di

Giancarlo Fattori

Black_Hole_Milkywayuna donna si stempera nell’aurora

una madre un’amante un’eterna corsa

un silenzioso grido che si spegne nella notte

pioggia di fuliggine pioggia di terra rossa

mentre tu ti vesti di polvere e blu notte

mani che tremano in un lucore di perla

la luna le ombre il tempo il fuoco il bacio

 

una lampada per rischiarare labbra secche

labbra d’argento lampada d’argento e notte

un sole per il buco nero e il mare agitato

la falena che brucia e depone al suolo la vita

colpita da proiettile e da pensiero oscuro

e tu fluttui in questo silenzioso mattino

tu sei già un nome arrugginito nella storia

 

mentre io qui attendo la stella e il vuoto

visione di strade abiti sgualciti e finestre

l’uccello che svetta in un cielo morbido

l’anima che si verticalizza le vesciche ai piedi

ecco fuori niente altro che case vecchie

scale polvere vernice tetti e legno di sandalo

un desiderio di vento ma tutto rimane immoto

 

il pianeta agonizzante e l’acqua del pozzo

il passante con l’ombrello aperto e il sole

non un goccio di pioggia non un pensiero

tu qui come un dolore di pagine strappate

io odore di stanze chiuse da secoli e buie

vestiti tarmati e scricchiolii dell’anima

il silenzio dipinto sul muro come bestemmia

 

ho fatto l’amore con le nuvole all’alba

ho fatto l’amore con le lacrime sulla bocca

ho provato a volare

ho pianto per me stesso

per quello che ero

per i semi sparsi al vento

per la notte

(alla memoria di Chris Cornell)

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore.

**Immagine “Buco Nero” postato dalla redazione e liberamente tratto da: https://it.wikipedia.org/wiki/Buco_nero#/media/File:Black_Hole_Milkyway.jpg

 

Passioni elettorali… … la falsa illusione di Fausta Dumano

andreotti-bettino-craxiAh fidati , dice Carla , gli amori che nascono durante le campagne elettorali durano il tempo delle elezioni, a volte non arrivano neanche alla fase del ballottaggio,una volta almeno avevano più poesia, erano unite anche dalla condivisione di un ideale politico.

Avevano dei confini, erano passioni rosse o nere, passioni democristiane. Con il civismo sono caduti gli steccati, i confini. Campagne elettorali dove non sai, non capisci subito cosa accade attorno.

Le delusioni degli amori smarriti durante i giorni della campagna elettorale diventano più cocenti. Carla dovrebbe esser vaccinata, eppure ogni volta esce delusa, non solo dal verdetto delle urne, ma anche dal cuore .

Le esperienze non servono a nulla, perché cambia la sostanza degli uomini. Un dato è costante, servi alla lista, come attira mosche del pianeta donne. L’ ULTIMA trovata il tandem, il ticket , due preferenze un uomo e una donna, ma la coppia è libera, l’ uomo contrae più ”tandem”e lei resta a pedalare la bicicletta  da sola .

Nei giorni della passione lei è la principessa su un piedistallo, le attenzioni le sono riservate fino all’ apertura dei seggi, poi un secondo dopo la chiusura, appena comincia lo spoglio, il cellulare  diventa muto, la chat dei messaggi  si blocca.

La bottiglia di spumante lui la stappa con la moglie, quella che durante la campagna elettorale è stata in silenzio, consapevole che l’altra era solo una pedina della macchina elettorale.

Carla si ritrova con un castello di sabbia, che crolla  alla prima ondata, si reggeva su un cumulo di balle, dal siamo separati, torno a dormire a casa solo per la bimba piccola, è un inferno la vita con lei.

Le passioni elettorali sono veloci, come il trasformismo politico, salire in tempo sul carro del vincitore, l’ideologia è archeologia per pochi intimi.

… Ricevuto direttamente dall’Autrice tramite e-mail.

*Foto postata dalla redazione e liberamente tratta da: http://www.ilsussidiario.net/News/Cultura/2013/5/7/DA-DE-GASPERI-A-CRAXI-Andreotti-la-differenza-tra-il-realismo-e-l-inciucio/390436/

Nuovi versi di Maria Pellino… per le pagine del Dinanimismo.

Coglierti.

di

Maria Pellino

 

marc-chagall-gli-amanti-in-blu-1914Coglierti vorrei in quell’attimo

 in cui i pensieri si raccolgono

ed un vuoto si rinnova

per la tua visibile assenza.

Reduce il mio cercarti

con occhi raggianti di luce trapelata

come ombre di nude carni

che accarezzano insolenti

il nettare di uno sconfinato amore.

Di calore le tue carezze

il mio capo infondono

a suggellare l’infinito librare

della tua impercettibile presenza.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice.

**Immagine- Marc Chagall, Gli amanti in blu, 1914 – postata dalla redazione e liberamente tratta da:http://restaurars.altervista.org/un-amore-di-chagall-la-storia-di-marc-e-bella-attraverso-le-opere-piu-note/

“Lontano” di Carlos Sanchez… …versi da meditazione sulle pagine del dinanimismo.

Lontano

di

Carlos Sanchez

DWUDN_1E se mi domandassi
perché sei seduto
di fronte alla finestra
fumando una sigaretta
guardando il fumo
che si espande
facendo circoli
piroette nell’aria
perché non ti muovi
con tante cose
da fare
te direi
lasciami stare
questo momento
è il mio momento
lontano dal rumore
del mondo
lontano dal rumore
degli uomini.

Da “Continuerò a cantare”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

Lejano

Y si me preguntaras
porqué estás sentado
frente a la ventana
fumando un cigarrillo
mirando el humo
que se expenden
haciendo círculos
piruetas en el aire
porqué no te mueves
con tantas cosas
por hacer
te diría
déjame estar
este momento
es mi momento
lejano al ruido
del mundo
lejano al ruido
de los hombres.

De “Continuaré a cantar”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore.

**Quadro “Viandande sul mare” tratto liberamente da: https://it.wikipedia.org/wiki/Viandante_sul_mare_di_nebbia#/media/File:DWUDN_1.png

Anche Ferrara al Festival del Nuovo Rinascimento di Lucca. Con il futurista ferrarese Roby Guerra

lucca festival nuovo rinascimentoDomenica 14 maggio videoperformance di Roby Guerra, futurista ferrarese, a Lucca, nell’ambito del secondo Festival del Nuovo Rinascimento a cura di Davide Foschi e il Centro Leonardo da Vinci di Milano, in sinergia ufficiale con Comune e Provincia di Lucca e Regione Toscana.  Festival inaugurato in questi giorni e fino al 19 maggio prossimo. Nello specifico Guerra presenta proietta il suo video “Il piccolo principe alieno” dedicato all’artista ferrarese e ai suoi alieni Andrea Amaducci, book trailer per l’eBook poetico antologico dello stesso Guerra, Fiori della Scienza XXX, edito da La Carmelina qualche tempo fa.

link video youtube

https://youtu.be/7vuy5qyDZeI

Info

Comune di Lucca

http://www.comune.lucca.it/Festival_del_Nuovo_Rinascimento

MeteoWeb

http://www.meteoweb.eu/2017/05/lucca-citta-del-rinascimento-rassegna-cura-davide-foschi-litalia-umanista-2-0/898023/

Cultura Italiana nel mondo/Italian Network

http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=46164

 

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO di Giancarlo Fattori ( aprile 2017 )

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO
 

imageViewti cola attorno alle labbra un brivido di nebbia
un traffico di baci mortificato da malasolitudine
crederti piangerti impressa un’orma sul cuscino
mi manca un momento di buio mi manca l’abitudine
timore di ghiaccio asfalto compatto
altera notte di mille domande
che scava nel profondo cercando l’inquietudine

ti cola dietro la notte un drappeggio pesante
un arido amplesso di sabbie portate dal vento
spegni il tuo tempo il tramonto la luna la lama
l’insetto rampicante taglia la spora taglia il tormento
dialettico scontro velluto di ghiaccio
mesto fragore delirio frugale
cercando l’ombroso periglio quello che non si è mai spento

ti cola dal fondo degli occhi un grigio temporale
la luce che graffia che scuote che non sai spiegare
assalti all’arma bianca un vento nucleare virale
uno sbiancarsi di volti letale che non puoi controllare
buco nero barlume silenzio
lamiera contorta fiamma notturna
mentre deflagro all’ombra del tuo livido tiepido impavido mare

dammi dolore calore e spazio mentale
dammi un bicchiere pieno di ambra minerale

Giancarlo Fattori

Aprile 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite e-mail

**Immagine postata dalla redazione del Blog e liberamente tratta da:http://www.minerali.it/scheda-scientifica/069b048f-97a5-425d-8b44-ceb32f690048/AMBRA.aspx

Un nuovo Venticinque Aprile per questa nostra Patria ferita… riflessioni dal sito di Giovanna Mulas

17975880_120332000286835207_1049556153_o25 aprile 1945, 25 aprile 2017: non chiamatela ‘Festa’ ma, con l’orgoglio che merita una Patria, questa nostra Patria ferita, ‘Anniversario’; della Liberazione d’Italia, o della Resistenza. Data comunque e sempre dignitoso, valoroso simbolo politico e militare della lotta attuata, durante la seconda guerra mondiale, dalle forze partigiane contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana, quindi l’occupazione nazista. “…Contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire!”, gridava l’amato Presidente partigiano Sandro Pertini nel proclamare sciopero generale a Milano. Oggi i nostri ‘tedeschi’ sono altri, sono tanti, e nascondono armi e corruzione dietro apparenza, individualismo, consumo. 

E ancora oggi, purtroppo, non tutti sono in grado di riconoscerli.
Fino a quando non avremo giustizia, pace e libertà per tutti, voglio augurarCi un 25 aprile rappresentato quotidianamente: giorni che, finalmente, odorino di unità, forti dei diritti e doveri di ogni uomo prima, del cittadino poi.
Contro le disposizioni infedeli all’Essere Uomo e da Ovunque e Chiunque esse provengano, la mala cultura e la non politica, contro le bugie e le censure dell’informazione, contro la profonda ignoranza nella quale intere generazioni di italiani sono state pasciute al grido di ‘modernità!’ e consumo (ché quanti non conoscono i propri diritti non sono in grado di farli valere, quindi non riconoscere chi li calpesta)
per mantenere quiete laddove gli uomini vengono costantemente spogliati della dignità.
…CONTINUA SU: https://giovannamulasufficiale.blogspot.it/2017/04/un-nuovo-venticinque-aprile-per-questa.html?spref=fb
Pagine:1234567...59»