Nuovi versi di Maria Pellino… per le pagine del Dinanimismo.

Coglierti.

di

Maria Pellino

 

marc-chagall-gli-amanti-in-blu-1914Coglierti vorrei in quell’attimo

 in cui i pensieri si raccolgono

ed un vuoto si rinnova

per la tua visibile assenza.

Reduce il mio cercarti

con occhi raggianti di luce trapelata

come ombre di nude carni

che accarezzano insolenti

il nettare di uno sconfinato amore.

Di calore le tue carezze

il mio capo infondono

a suggellare l’infinito librare

della tua impercettibile presenza.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice.

**Immagine- Marc Chagall, Gli amanti in blu, 1914 – postata dalla redazione e liberamente tratta da:http://restaurars.altervista.org/un-amore-di-chagall-la-storia-di-marc-e-bella-attraverso-le-opere-piu-note/

“Lontano” di Carlos Sanchez… …versi da meditazione sulle pagine del dinanimismo.

Lontano

di

Carlos Sanchez

DWUDN_1E se mi domandassi
perché sei seduto
di fronte alla finestra
fumando una sigaretta
guardando il fumo
che si espande
facendo circoli
piroette nell’aria
perché non ti muovi
con tante cose
da fare
te direi
lasciami stare
questo momento
è il mio momento
lontano dal rumore
del mondo
lontano dal rumore
degli uomini.

Da “Continuerò a cantare”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

Lejano

Y si me preguntaras
porqué estás sentado
frente a la ventana
fumando un cigarrillo
mirando el humo
que se expenden
haciendo círculos
piruetas en el aire
porqué no te mueves
con tantas cosas
por hacer
te diría
déjame estar
este momento
es mi momento
lejano al ruido
del mundo
lejano al ruido
de los hombres.

De “Continuaré a cantar”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore.

**Quadro “Viandande sul mare” tratto liberamente da: https://it.wikipedia.org/wiki/Viandante_sul_mare_di_nebbia#/media/File:DWUDN_1.png

Anche Ferrara al Festival del Nuovo Rinascimento di Lucca. Con il futurista ferrarese Roby Guerra

lucca festival nuovo rinascimentoDomenica 14 maggio videoperformance di Roby Guerra, futurista ferrarese, a Lucca, nell’ambito del secondo Festival del Nuovo Rinascimento a cura di Davide Foschi e il Centro Leonardo da Vinci di Milano, in sinergia ufficiale con Comune e Provincia di Lucca e Regione Toscana.  Festival inaugurato in questi giorni e fino al 19 maggio prossimo. Nello specifico Guerra presenta proietta il suo video “Il piccolo principe alieno” dedicato all’artista ferrarese e ai suoi alieni Andrea Amaducci, book trailer per l’eBook poetico antologico dello stesso Guerra, Fiori della Scienza XXX, edito da La Carmelina qualche tempo fa.

link video youtube

https://youtu.be/7vuy5qyDZeI

Info

Comune di Lucca

http://www.comune.lucca.it/Festival_del_Nuovo_Rinascimento

MeteoWeb

http://www.meteoweb.eu/2017/05/lucca-citta-del-rinascimento-rassegna-cura-davide-foschi-litalia-umanista-2-0/898023/

Cultura Italiana nel mondo/Italian Network

http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=46164

 

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO di Giancarlo Fattori ( aprile 2017 )

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO
 

imageViewti cola attorno alle labbra un brivido di nebbia
un traffico di baci mortificato da malasolitudine
crederti piangerti impressa un’orma sul cuscino
mi manca un momento di buio mi manca l’abitudine
timore di ghiaccio asfalto compatto
altera notte di mille domande
che scava nel profondo cercando l’inquietudine

ti cola dietro la notte un drappeggio pesante
un arido amplesso di sabbie portate dal vento
spegni il tuo tempo il tramonto la luna la lama
l’insetto rampicante taglia la spora taglia il tormento
dialettico scontro velluto di ghiaccio
mesto fragore delirio frugale
cercando l’ombroso periglio quello che non si è mai spento

ti cola dal fondo degli occhi un grigio temporale
la luce che graffia che scuote che non sai spiegare
assalti all’arma bianca un vento nucleare virale
uno sbiancarsi di volti letale che non puoi controllare
buco nero barlume silenzio
lamiera contorta fiamma notturna
mentre deflagro all’ombra del tuo livido tiepido impavido mare

dammi dolore calore e spazio mentale
dammi un bicchiere pieno di ambra minerale

Giancarlo Fattori

Aprile 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite e-mail

**Immagine postata dalla redazione del Blog e liberamente tratta da:http://www.minerali.it/scheda-scientifica/069b048f-97a5-425d-8b44-ceb32f690048/AMBRA.aspx

Un nuovo Venticinque Aprile per questa nostra Patria ferita… riflessioni dal sito di Giovanna Mulas

17975880_120332000286835207_1049556153_o25 aprile 1945, 25 aprile 2017: non chiamatela ‘Festa’ ma, con l’orgoglio che merita una Patria, questa nostra Patria ferita, ‘Anniversario’; della Liberazione d’Italia, o della Resistenza. Data comunque e sempre dignitoso, valoroso simbolo politico e militare della lotta attuata, durante la seconda guerra mondiale, dalle forze partigiane contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana, quindi l’occupazione nazista. “…Contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire!”, gridava l’amato Presidente partigiano Sandro Pertini nel proclamare sciopero generale a Milano. Oggi i nostri ‘tedeschi’ sono altri, sono tanti, e nascondono armi e corruzione dietro apparenza, individualismo, consumo. 

E ancora oggi, purtroppo, non tutti sono in grado di riconoscerli.
Fino a quando non avremo giustizia, pace e libertà per tutti, voglio augurarCi un 25 aprile rappresentato quotidianamente: giorni che, finalmente, odorino di unità, forti dei diritti e doveri di ogni uomo prima, del cittadino poi.
Contro le disposizioni infedeli all’Essere Uomo e da Ovunque e Chiunque esse provengano, la mala cultura e la non politica, contro le bugie e le censure dell’informazione, contro la profonda ignoranza nella quale intere generazioni di italiani sono state pasciute al grido di ‘modernità!’ e consumo (ché quanti non conoscono i propri diritti non sono in grado di farli valere, quindi non riconoscere chi li calpesta)
per mantenere quiete laddove gli uomini vengono costantemente spogliati della dignità.
…CONTINUA SU: https://giovannamulasufficiale.blogspot.it/2017/04/un-nuovo-venticinque-aprile-per-questa.html?spref=fb

Distrazione… Carlos Sanchez segue l’incessante cammino della Primavera.

Distrazione

di

Carlos Sanchez

300px-Botticelli-primaveraUn vento indeciso
percorre questo paesaggio
muove timidamente le foglie
accarezza i ritagli di neve
nelle montagne.
Tra nuvole
e raggi di sole
la primavera non spera
prosegue il suo cammino.
Gli uomini dubitano
e pensano
che il tempo si fermi
e annegano
senza saperlo
nei giorni che passano.

Folignano City, 2017

Distracción

Un viento indeciso
recorre este paisaje
mueve tímidamente las hojas
acaricia los retazos de nieve
en las montañas.
Entre nubes
y rayos de sol
la primavera no espera
prosigue su camino.
Sólo los hombres dudan
y piensan
que el tiempo se detiene
y se ahogan
sin saberlo
en los días que pasan.

Folignano City, 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite social network.

**quadro “la Primavera” del Botticelli postato dalla redazione del blog e liberamente tratto da: https://it.wikipedia.org/wiki/Primavera_(Botticelli)

BUONA PASQUA 2017 dal Dinanimismo.

Fai la presentazione di tuo padre

2381769_1936_immagini.quotidiano.net.jpg.pagespeed.ce.ZUrHLCa5NEMio padre fa il cartunaio, va a prendere i cartoni alla notte. Qualche volta l’accompagno anch’io, e andiamo col furgoncino.
   Mio padre non so quanti hanni ha, però non è troppo vecchio: un poco è anche giovane!
   Lui di mattina fa un altro mestiere, e poi si arritira il pomeriggio; dorme un po’, magnia, e poi esce la notte a fare i cartoni.
   Mio padre non è tanto vecchio, però è zelluso, tiene il mellone in testa*.
   La domenica ci porta alla messa, e ci vuole bene. Noi nella piazza giochiamo cogli altri bambini, poi lui compra il cartoccio delle paste.
   Mio padre è molto povero, i cartoni non bastano, perciò si appiccica sempre con mia madre.
   A Pasqua lui porta a casa il piecoro per scannarlo, ma esso ci fa sempre pena, e alla fine lo regaliamo sempre. E così lui si appiccica un’altra volta con mia madre che gli dice : Ma che cazzo o puort a fa ogn’anno stu piecoro comm a te, si po nun tien mai o curaggio do scannà?! «Io t’scannass’io a te!».

**Dal libro: “Io speriamo che me la cavo”: https://www.ibs.it/io-speriamo-che-me-cavo-libro-vari/e/9788804388661?lgw_code=1122-B9788804388661&gclid=CPL1vdvlqNMCFccy0wodWUcMjw&gclsrc=aw.ds

***IMMAGINE TRATTA DA: http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/pastore_sardo_boldrini_agnelli_berlusconi_pasqua-2381769.html

Il nuovo sito di Giancarla Parisi… news, opere e manifesto GCP!!!

F70896ED-BFFE-436F-A89A-11A89B88E743…Fortunatamente disponiamo anche di un punto di vista femminile sul futurismo: leggendo attentamente il coevo testo della Valentine de Saint-Point, autrice del Manifesto della Lussuria e del Manifesto della donna futurista, si comprende che egli non si riferiva tanto al genere femminile in toto, bensì a quel femminino molle, femminista e degenerativo trasversale ad ambo i sessi e ritenuto antipatriottico, antieroico, non attivista, pacifista e buonista, affatto adatto al “virile” progetto rivoluzionario futurista. Quello che Valentine cercava di esprimere con le parole, un’artista idealmente a me molto vicina, Tamara de Lempicka, lo esprimeva egregiamente con i suoi tratti di pennello…

CONTINUA SU manifesto GCP: http://www.giancarlaparisi.it/

Foto quadro dell’artista tratto sempre da http://www.giancarlaparisi.it/

Salvatore Toma… A Great Poet… a trent’anni dalla sua scomparsa… articolo di Carlo Infante.

paesaggio-1In marzo cade il trentesimo anniversario della prematura scomparsa di Salvatore Toma, notevole ed eccentrico poeta magliese, studiato anche all’estero e ricordato come Totò Franz ed anche come A Great Poet… a ricordarcelo è Carlo Infante dalle pagine di “leccecronaca.it”.

Di seguito riportiamo una sua poesia tratta dal medesimo articolo che è consultabile in versione integrale accedendo al seguente link presende in fondo a questa pagina:

 

BUTTATE FOGLIE SUI MORTI

Buttate foglie sui morti

buttate foglie sui morti

sui morti che

sono eternamente nati

eternamente in noi

buttate foglie sui morti

foglie secche e lieve terra

perchè i morti sono leggeri

buttate terra sui morti

perchè sono essi i veri vivi

buttate terra sui morti

sui morti nati necessari

sui morti che ci fanno vivere

sui morti che importano

buttate foglie foglie leggere

e con le foglie aria.

CONTINUA SU:http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/03/17/salvatore-toma-in-memoriam/

**Immagine/fotogramma del film “Al di la dei sogni” postata dalla redazione e liberamente tratta da: http://www.isolaillyon.it/2014/04/23/walking-in-a-movie-quanto-fantasy-ce-in-al-di-la-dei-sogni.html

Pagine:1234567...59»