Musica, Arte e Poeisa: l’Attesa, il nuovo album di Alberto Nemo, con testi di Fabio Strinati e copertine originali di Mauro Mazziero.

a1264014819_16Domenica 5 luglio è uscito “L’attesa”, il trentatreesimo disco di Alberto Nemo.

L’opera è prodotta da MayDay.
I brani segnano una nuova svolta nella sua vastissima produzione artistica. L’interpretazione assume una valenza altamente espressiva che possiamo descrivere con il neologismo “attorante”. L’artista mette in atto un’operazione di improvvisazione musicale e interpretativa che ha come punto di forza il gesto fisico e sonoro, visto come fenomeno unico e irripetibile.
Per quanto riguarda la parte lirica il disco è stato realizzato con la collaborazione di Fabio Strinati.
L’album verrà stampato esclusivamente in vinile solo su ordinazione. La copertina di ogni singola copia verrà dipinta a mano da Mauro Mazziero.

“Condominio S.I.M.” di Alessandro Canzian (… un Poeta degli uomini).

9788883360640_0_221_0_75Condominio S.I.M è l’ultima raccolta di Alessandro Canzian, edita da “Stampa 2009”. L’opera si mostra originale ed intrigante sin dal titolo, il cui significato viene svelato all’inizio del libro, subito dopo la puntuale e attenta prefazione di Maurizio Cucchi; un sorta d’invito con cui il Poeta spalanca le porte del proprio microcosmo. Un piccolo mondo fatto di donne ed uomini, di profumi, sapori e rumori, per mezzo dei quali il particolare tende a confluire nell’universale.

“Il Condominio S.I.M. è un Condominio sito a Maniago. La sigla S.I.M. sta per Società Immobiliare Maniaghese. Costruito nel 1970 circa fu inizialmente pensato come un albergo. A costruzione quasi ultimata la Società si accorse però che nella zona e in quel periodo un albergo non avrebbe potuto funzionare, per cui fu riqualificato come Condominio. Sono ancora presenti il ristorante, oggi utilizzato come luogo di culto dai Testimoni di Geova, e il gabbiotto del custode, utilizzato come ripostiglio.”

I versi di Canzian si susseguono come piccoli frammenti di quotidianità e, pian piano, compongo storie, delineano vite e ci rivelano il senso profondo del “fare poesia” che si compie nell’osservare, scovare, immortalare e donare al prossimo.

Un lavoro preciso ed attento quello di Alessandro che, con le sue sestine ed i suoi componimenti eptastici (peraltro una vera e propria “chicca” d’Autore), ci regala attimi di rara e vera sensibilità, accompagnandoci in un “luogo” fatto di persone e di anime che gioiscono e soffrono, che amano ed odiano.

In questa raccolta, il Poeta, con “limpida nettezza comunicativa”, ci rappresenta il suo mondo che, alla fine, non può non diventare anche il nostro.

Zairo Ferrante

Olga il lunedì la penso
con un vestito ampio, colorato,
il martedì con un qualcosa
di più aderente, alla sua pelle,
alla cartilagine
della settimana in un foulard.
I capelli raccolti, le cadono.

***

Carlo sbatte la porta
ogni volta che torna a casa.
Misurano cinque passi le sue
felicità – se si può parlare
di felicità quando si hanno
i calzini sporchi e gli occhi
bucati, dall’ultima lavatrice –.

***

Di Silvio ricordo un gesto.
Quando usciva girava sempre
due volte la chiave nella toppa
e bussava forte. Una
chiusura non è mai chiusura
senza una porta a cui bussare.

Per acquistare: https://www.ibs.it/condominio-sim-libro-alessandro-canzian/e/9788883360640

Giu 11, 2020 - Senza categoria    No Comments

“L’Olimpia” di Luigia Sorrentino al “Napoli Teatro Festival Italia”.

Cattura1Come annunciato dalla stessa poetessa e giornalista sulla sua pagina facebook: “E’ ufficiale. Andrà in scena al Napoli Teatro Festival Italia, diretto da Ruggero Cappuccio, la mia drammaturgia: OLIMPIA, TRAGEDIA DEL PASSAGGIO, per la regia di Luisa Corcione.

Luigia Sorrentino continua precisando che: “Sarà un primo studio, perché il coronavirus ci ha impedito di realizzare il progetto iniziale. Abbiamo dovuto tener conto delle regole di distanziamento imposte dal governo, e di molto altro… comunque sarà bello, perché seppure lo spettacolo è stato drasticamente ridotto, avremo in scena attori del calibro di Emilio Vacca, Noemi Francesca, Peppe Voltarelli. Nessuna scena, ma architettura dei personaggi, con le opere di Luisa, Rosaria e Anna Corcione. Nella drammaturgia tratta da “OLIMPIA” (libro) si fa strada un nuovo personaggio: Empedocle. Spero sia uno spettacolo che ridia speranza nel futuro… è quello che mi auguro.”

Nel riadattamento di Olimpia, tragedia del passaggio, per la drammaturgia di Luigia Sorrentino, si dà spazio alla collaborazione artistica di varie discipline artistiche, da rendere così la pièce un lavoro multidisciplinare. Gli elementi scenografici e quelli di costume sono sostituiti da opere pittoriche, scultoree e istallazioni. Le musiche originali si uniscono alla Danza. Il collante resta la Poesia: un linguaggio che sembra perduto nel tempo ma comunque contemporaneo che dona il giusto bisogno di essere espressa in questo momento storico. L’arte cerca spesso di raggiungere la poesia; per raggiungere questo scopo, abbiamo eseguito una ‘chiamata alle arti’, perché sosteniamo che oggi, più di ogni altro momento, sia il tempo delle collaborazioni. Il tempo di fare “gruppo”. Bisogna lasciare alle spalle un passato fatto di individualismo, di isolamento e di tristezza emotiva per dare spazio a nuove forme composte da un’unica energia e un solo obbiettivo: la vera bellezza possibile. Nell’ Olimpia che metto in scena, l’artista si trova all’interno, nell’umidità del pensiero, dove nasce l’arte. Composto d’arte, ma non è ancora maturo per chiamarsi tale. La Figura di Iperione è emblematica. Viene al mondo dall’oscurità della madre terra ma una volta fuori si rende conto che il suo destino è quello di soccombere. Resterà confinato nella non luce, in quella sottile linea che divide la notte dal giorno. Poi Iperione si trasforma in Empedocle, che bene presto prenderà coscienza che non può difendere la sua sete di potere perché egli stesso è l’artista che sconfina, supera la soglia, il confine fra l’umano e il divino. Empedocle cercherà di innalzare ponti sull’acqua, per il suo spietato desiderio di fama e di conquista, ma non ce la farà. Olimpia, la deità arrivata nella città per restituire all’umanità il sé sacro, si contrapporrà a Empedolce, che ha cercato di raggiungere il Divino violando il sacro. Ma anche la sorte di Empedocle è segnata: Crollerà su se stesso e alla fine si lascerà morire roso dal senso di colpa. Questo Studio sul Testo della Sorrentino, fa comprendere che anche l’arte è destinata alla distruzione, come tutte le opere di ingegno dell’umano. Prendiamo per esempio l’artista sudafricano William Kenttridge, che ha realizzato un fregio sul Lungo Tevere a Roma “TRIUMPHS AND LAMENTS”. Kentridge ha dichiarato che “L’artista che non sa fallire, è un integralista”. Il fregio, realizzato con una tecnica volutamente effimera e fragile, offre una lettura della storia della città, che contrappone fasti e miserie, glorie e sconfitte.

Il palco/grembo, è il corpo di Olimpia: in essa tutti i corpi diventano armonici. La musica invece richiama il canto del ritorno alla città, nella consapevolezza che il passaggio dell’umano e dell’artista è al tempo stesso… CONTINUA SU: https://napoliteatrofestival.it/spettacolo/olimpia-tragedia-del-passaggio/?fbclid=IwAR2LX8d_JP-Ayt7lp3RIOkQLRWePYqbg4Uv_ebXB0NCxRAmbOzXAHcnAfEc

Il Dinanimismo sostiene “Catena Umana”: un progetto editoriale realizzato da Luigia Sorrentino in collaborazione con Fabrizio Fantoni.

CatturaCatena Umana, un progetto editoriale ideato da Luigia Sorrentino in collaborazione con Fabrizio Fantoni.

Luigia Sorrentino, Poetessa e Giornalista Rai, nella sua introduzione, pone l’attenzione sulla “…necessità di tornare a parlarsi con filosofi, poeti, artisti, cercando insieme di rispondere alle domande che mai come in questo momento, affliggono l’umanità intera. Quale mondo ci attende dopo il coronavirus? E chi lo governerà? I poeti e i filosofi, medici dell’anima e del pensiero, ci accompagneranno in questo cammino, ma certamente non potremo sostituirsi ai governanti, al potere della scienza e della tecnica che si va sempre più profilando. …https://www.facebook.com/poesia.luigiasorrentino/posts/3263829596994667

Dall’introduzione al progetto (tratta da:  Il primo blog di poesia della Rai ) “… La necessità di contenimento imposte dalla pandemia hanno sollevato numerose proteste sul piano geopolitico e ideologico, volte a rivendicare i diritti umani che sembravano essere stati messi in discussione. Anche se nella maggioranza dei casi, le reazioni più condivise sono state di accettazione eppure spesso alla base vi era un fondo di amarezza per quello che sembrava essere, oltre che una misura di tutela sanitaria, anche un attentato alla libertà individuale e collettiva.

L’isolamento forzato, il trauma vissuto dalle persone contagiate che hanno dovuto separarsi bruscamente da uno o più familiari che avevano contratto il virus in una forma più grave con difficoltà respiratorie tanto da richiedere il ricovero in ospedale… L’aver saputo poi che il congiunto, la persona amata, era morta nella più totale solitudine… Il non aver potuto assistere i propri cari negli ultimi istanti della loro vita… Il non aver potuto dare loro degna sepoltura… è stata un’ esperienza tragica e estremamente violenta.

Molti studiosi hanno detto poi che la violenza e la velocità del virus di trasformarsi e di replicarsi potrebbe essere stata causata anche dall’inquinamento ambientale e dai già tanto temuti cambiamenti climatici. Un fatto che ci pone oggi più che mai di fronte alla necessità e all’urgenza di fare una scelta decisiva nel nostro presente: cambiare il nostro modo di vivere per non ammalarci e per non distruggere il nostro pianeta.

Ma attraverso quali metodi si configurerà il nuovo modo di vivere e di stare al mondo?

Partendo da questi elementi di riflessione, poeti, scrittori, filosofi e giuristi  fanno formato una catena umana, ognuno scegliendo la propria lingua di elezione nella consapevolezza che oggi più che mai c’è bisogno di “strumenti umani” per governare il mondo. Poeti, artisti, filosofi si prendono per mano nella consapevolezza che è necessario tornare insieme a riflettere sulla condizione umana e sulle nuove prospettive che l’umano dovrà fronteggiare.

Ancora una volta al centro di tutto torna la parola.

Catena umana è dunque la forza del dialogo fra le diverse discipline umanistiche nel tempo del coronavirus, la più grande pandemia della storia moderna.”

SEGUI IL PROGETTO SU: https://www.facebook.com/poesia.luigiasorrentino/

Mag 27, 2020 - Senza categoria    No Comments

Alessandro Canzian con “Dal sottovuoto – Poesie assetate d’aria” su Maledetta primavera – Biblioteca Universitaria di Genova.

Maledetta primavera – Biblioteca Universitaria di Genova
con: 

Con Letizia Lodi, Giovanna Olivari,Roberto Dedenaro, Fabiana Carpiceci, Massimo Bacigalupo, Alessandro Canzian (su “Dal sottovuoto – Poesie assetate d’aria”,

Samuele Editore 2020, collana Scilla, prefazione e curatela di Matteo Bianchi ), Michele Caprini.
VIDEO:

DAL SOTTOVUOTO. POESIE ASSETATE D’ARIA

a cura di Matteo Bianchi

testi di
dalsottovuotoAlessandro Agostinelli, Erminio Alberti, Lucianna Argentino, Franco Arminio, Alberto Bertoni, Maria Borio, Franco Buffoni, Anna Maria Carpi, Valentina Colonna, Flaminia Cruciani, Maurizio Cucchi, Francesco Forlani, Tiziano Fratus, Giovanna Frene, Tommaso Giartosio, Fabrizio Lombardo, Franca Mancinelli, Gerardo Masuccio, Stella N’Djoku, Roberto Pazzi, Umberto Piersanti, Giancarlo Pontiggia, Rossella Pretto, Eleonora Rimolo, Valentino Ronchi, Federico Rossignoli, Paolo Ruffilli, Anna Ruotolo, Gabriella Sica, Stefano Simoncelli, Tiziano Scarpa, Luigia Sorrentino, Mary Barbara Tolusso, Mariagiorgia Ulbar, Gian Mario Villalta.

Prezzo 6.99 euro

ISBN 978-88-94944-20-4

 


 

La solitudine, sia mistica sia solo forzata, è stata spesso il propellente invisibile che ha acceso il silenzio interiore, che ha smosso l’immobilità di fondo di svariate penne italiane. Una su tutte fu quella di Dino Campana: il poeta scriveva grazie alla contrapposizione tra “io lirico” e “moltitudine”, alla dialettica che si imponeva tra “tempo” e “fuori tempo” quale rapporto tra l’individuo e i ritmi della sua comunità di appartenenza.

Dal sottovuoto. Poesie assetate d’aria, antologia in uscita per Samuele Editore, mette nero su bianco la volontà di confrontarsi sul tema dell’isolamento, di una quarantena tanto improvvisa quanto obbligata. L’idea è scaturita dalle sparute riflessione trapelate sul web, ovvero dalla necessità sommersa di molti intellettuali di liberare un vuoto interiore che una volta confinato rimbombava con maggiore violenza. «Dovremmo pronunciare ogni parola vera come fosse un’agonia o un testamento», sosteneva Ceronetti in Poesia e solitudine (1986). Parimenti, un movente così decisivo per gli animi del 2020 non poteva essere ignorato a priori come un semplice “fattore esterno” – una trascurabile casualità – né ridotto alla solita boutade per stampare altra carta e battere cassa quando il silenzio non può più essere abbastanza. Da parte di Matteo Bianchi, il curatore della selezione, non c’è stata alcuna intenzione di strumentalizzare un momento drammatico, tantomeno di estetizzare un dolore condiviso; tutt’al più di anestetizzarlo facendolo vibrare. Non va tralasciato, infatti, il tentativo di opporsi al panico generalizzato, di scongiurare una paura che se fomentata avvelenerebbe irrimediabilmente il nostro futuro. «Eravamo già ciechi nel momento in cui lo siamo diventati, la paura ci ha già accecato, la paura ci manterrà ciechi», ammoniva Saramago in Cecità (1995).

Il curatore ha poi deciso di ordinare gli inediti quasi si trattasse di un sentiero, di un percorso per ritrovarsi attraverso le voci dei trentacinque autori coinvolti, consentendo un dialogo tra poesie provenienti da clausure personali, che nella fame d’aria manifestata si tendono l’una verso l’altra. Tramite le risorse intime di ciascun autore e la riaffermazione di ogni individualità, i versi in questione trasformano incontri, oggetti e gesti abitudinari in testimonianze emblematiche di una realtà oramai irreparabile. Leggendo i testi come fossero anelli intrecciati di un’unica catena – che cozzano e risuonano a seconda dell’armonia – ci si rende conto di quanto il bisogno autentico e senza soluzione di isolarsi, di allontanarsi da un rumore più o meno riconosciuto, fosse già insito in loro e cercasse talvolta appagamento per mantenerli in equilibrio.

Il 50% dei proventi del libro verranno donati in beneficenza alla Sanità o alla Protezione Civile, per dare un aiuto concreto.

EBOOK: http://www.samueleeditore.it/dal-sottovuoto-poesie-assetate-daria-ebook/

“2020 Lettere aliene” – l’ultimo e-book di Roby Guerra

9788835831686_0_221_0_75Introduzione: Verso un’ Ecoscienza minimale (Ipotesi post 2020)
In questo eBook raccogliamo alcuni dei nosti piu recenti articoli/saggi forse potenzialmente utili nel
prossimo futuro in cui il mondo sarà radicalmente diverso. Nei nosti testi futurologi strettamente
specifici ribadiamo- come recentemente (ma nostro sguardo in fondo fin da fine secolo scorso) la
necessità di una futurpolitica su basi essenzialmente scientifiche e conoscitive (e immaginative),
anzichè scientiste e tecnocratiche … come si è smascherato clamorosamente il presentismo uber
alles attuale….
Abbiamo riproposto ulteriormente alcuni dei sogni attuali dell’umanità che sembravano, se non
dietro l’angolo, quantomeno relativamente imminenti ma come memoria del futuro.
A parte le stampanti 3D (che potrebbero essere utili – se si volesse- anche in questa drammatica e
lunga probabilmente cronaca) l’umanità non è pronta -almeno in un certo senso- per certi futuri
radicali, necessita un nuovo paradigma inevitabile:
soluzioni a medio-lungo termine mediche, in ogni caso, anche gran parte delle risorse scientifiche
dovranno essere destinate per un pianeta intero capce di sopravvivere.
Il resto cosiddetto futuribile, umani nello spazio, ibernazione umana (tranne un numero di persone
eventualmente ridotto anche naturalmente.. per risorse, ecc.) o altro in senso globale solo dopo, nel
futuro non immediato… se non remoto.
Anche l’attuale crisi accade perchè lo iato tra possibiltà e realtà scientifica e i cervelli nelle stanze
dei bottoni di tutto mondo, al potere (non veri scienziati, ma scimpanzè psico-socio-economopolitici)
ha ragiunto un punto di non ritorno:
da una lato il 2000 che era possibile, dall’altro un letterale Medioevo psichico al potere, uomo
comune incluso…. Si dovrà immaginare una ecologia realmente scientifica capace di immaginare
letteralmente come habitat umani dei villaggi elettronici, in certa misura (sic) anche a distanza di
sicurezza, l’era delle metropoli o persino megalapoli è finita.
Come spesso nei nostri libri, spazio anche all’arte e letteratura d’avanguardia virtuosa:
globalmente, semplici messaggi nella bottiglia, ma messaggi speriamo creativi del nostro tempo che
va a finire… ma ancora propulsivi nei futuri nuovi paradigmi postapocalisse.
Roby Guerra, aprile 2020

*Per acquisto: https://www.ibs.it/2020-lettere-aliene-ebook-roby-guerra/e/9788835831686

“And Radio Alveare Plays”: oltre 800 visualizzazioni in soli 2 giorni per la prima diretta poetica dell’Associazione culturale “l’Alveare”.

95891698_539431023630867_1270840540388130816_o“And Radio Alveare Plays” è il nuovo progetto dell’associazione culturale l’Alveare ( https://www.acalveare.it/ ). Un ciclo di incontri culturali e musicali trasmessi in diretta tramite la pagina ufficiale facebook della stessa associazione ( https://www.facebook.com/acalveare ).

Il primo appuntamento – una sorta di reading poetico dal titolo “POESIA, VINO E MUSICA (quattro chiacchiere poetiche tra amici) – è andato in onda GIOVEDì 7 MAGGIO alle ore 18:00 ed il video ( sempre visibile al link https://www.facebook.com/acalveare/videos/653433362168045 ) ha già raggiunto circa 800 visualizzazioni.

Hanno partecipato alla diretta: Geogia Gratsia, Arturo Stabile, Antonio Stabile, Nicola Pagano, Zairo Ferrante e Joe Natta ( de “Le leggende lucchesi”).
Durante l’evento sono stati letti alcuni versi di Poetesse e Poeti contemporanei selezionati dalla stessa Associazione, in collaborazione con il “Dinanimismo”, tra cui: Luigia Sorrentino, Marcia Theophilo, Michela Zanarella, Alessandro Canzian, Giovanna Mulas, Gabriel Impaglione, Roberto Collari, Cinzia Demi, Carlos Sanchez e Fabio Strinati.
Di seguito riproponiamo la scaletta poetica con i link di riferimento:
POESIA, VINO E MUSICA
quattro chiacchiere poetiche tra amici
poesia
1) LUIGIA SORRENTINO: http://poesia.blog.rainews.it/
da Inizio e Fine (Editore: “Stampa 2009” – anno pubblicazione: 2016).
II
per tutta l’estate gli alberi piansero
sangue vischioso
l’occulto si era disciolto sulla corteccia
bruna
venne a renderci omaggio
l’opacità delle cose ultime
l’ultima stagione ci lasciò
in un’angoscia secca
eravamo caduti nell’ordine
della fine
***
VI
quello che vedi è solo luce
un sole remoto espone il lembo
nel quale sei entrato
solo la luce scoprirà il mutato
colui che ignorava la propria fine
nell’alba di un nuovo inizio
avevi chiamato il mio nome
– chi aveva chiamato il tuo per primo? –
2) MARCIA’ THEOPHILO: http://www.marciatheophilo.it/
Foresta mio dizionario – dal libro “Amazzonia respiro del mondo (Ed. Passigli, 2005)”
Folle risata la tua, dall’eco affilata
manioca selvaggia, è il tuo riso
le tue carezze, il tuo acuto piacere
Kupaúba vive, va e viene
fino a che il sole scompare, di giorno
tra foglie, erbe, insetti, decomposte
materie vegetali; ci moltiplicheremo
il movimento non è deserto, è fiume
ruba, saccheggia, bevi ciò che vuoi
questo fiume è abbondante
non si ferma, ma continua
per cantare il suono delle parole
Açaná, Yaná, Nacaira
Caja, Pacaba, Maçaranduba
ogni parola un essere, parole che scrivo
io vedo un’aria piena di parole
foresta mio dizionario
parole vive e masticate
aspre di cammini già percorsi
Açaná, Tapajura, Igarapé
ogni parola un essere, risuona affilata.
Kupaúba aprì gli occhi e apprese a leggere.
SETTEMBRE VUOLE – Dal libro: L’istinto altrove (Giuliano Ladolfi editore, 2019)
Guardo una stagione
accorciare i giorni
e cambiare i colori delle foglie.
Tra l’aria che spoglia
i primi timori di pioggia
il sole resiste oltre le nuvole.
*
IL SILENZIO MI GUARDA E MI TOCCA
Il silenzio mi guarda e mi tocca
e io lo lascio entrare nella carne
come fosse una semina nei campi
in pieno sole.
Lo senti entrare anche tu nelle cose
rotolare nella pelle
ogni volta che respiri?
Davanti a te porto
quella voce che mi sfugge dalle labbra
e che non sa dire altro
che parole arrese e mute
come un soffio di vento tra i rami
che si aggrappa alla distanza.
4) ALESSANDRO CANZIAN: https://www.samueleeditore.it/
ESTRATTI DA: Il colore dell’acqua, di Alessandro Canzian, Samuele Editore, 2016
Un addio può non essere una lettera,
un messaggio siglato – nemmeno il
tempo del nome, per intero –,
una foto fra i libri a rinnegare
la dolcezza d’una gita. E nemmeno
ha senso dirti il bene
che mi resta, l’orrore dei gesti
che mi mancano, il buio dei capelli.
Non ha senso dirti che non trovo
lo zucchero in un supermercato
dove anche la cassiera «Signora
non sono riuscito a trattenerla
come non riesco a trovare lo scaffale,
mi aiuti, per favore» ma nessun
uomo può aiutare un altro uomo.
È un lunedì mattina con la tua
– la nostra, l’unica insieme – foto
in mano, al Carlet di Pordenone, senza
sapere cos’è il bene, o dove devo andare.

5) GIOVANNA MULAS https://www.facebook.com/giovanna.mulas.58

Canto pagano – tratta da: “Il mio giornale” sito on-line https://www.ilmiogiornale.org/canto-pagano-giovanna-mulas/
Del nettare (il muschio)
quel Bacco profumo
ha le labbra, bellezza
e gli alzàti miei cori,
lascivi,
sensuali, giulivi.
Come l’alga, odoroso,
glauco ora emergi, e riaffondi
(son labirinti, quei prodi)
e ora si, distogli i capelli
che la pelle ti chiede.
Ora si, ora
mio tu rispondi,
ora, si, ora
docile sei.

6) GABRIEL IMPAGLIONE :https://www.facebook.com/gabriel.impaglioneii

Appello – tratta da “Margutte” sito on-line: http://www.margutte.com/?p=6651
“Se dicono patria / qui sono quelli che fanno musica dal fango”.
(Pedro Calzadilla)
Da ogni tuono e per il filo del tempo
e le penurie
Da ogni onda e sulla neve delle saline
o le pietre d’acqua delle cime
Sotto la gran costellazione del Sud in fiamme
Dal galoppo del vento tra i polveroni
e per i sentieri delle capre
Tra l’ erba che alza l’allegria come fiore silvestre
e la tenerezza che i primi voli tessono nell’aria
Da ogni casa dove la luna allatta l’insonnia
Dalla macchina inutile e i parchi recintati
Da ogni fiume di sole tra i salici
o per le strade che conducevano al pranzo
Da ogni palmo di fango dove il canto
partorisce l’uomo
arriveremo con la parola libertà nella bocca.

7) ROBERTO COLLARI: https://www.facebook.com/roberto.collari

IL BACIO DI MORFEO – tratto dall’antologia: “Dinanimismo 2009-2019 10 anni di avanguardia poetico-artistica (editore: “libri Asino Rosso” di Roberto Guerra)
Colgo il bacio del Morfeo
divino,
come fior leggiadro,
che profuma
del mio sempre.
Sogni ameni,
eterei,
quasi reali,
come le speranze
in germoglio
d’un idilliaco domani,
che una volta fiorite
aspettan solo
d’esser colte.
Adesso…
prima di destarmi
da questo lieve sogno…
Mi lascio
Andare,
in questo campo di sogni in fiore,
circondato da un dolciastro
sentore,
di antiche emozioni
sopite,
ma mai dimenticate.

8) CINZIA DEMI: https://www.facebook.com/cinzia.demi

Versi tratti da: “Ero Maddalena” ( Cinzia Demi – “Puntoacapo Ed.” 2013 ):
*
manca ancora molto all’alba
e vorrei che la notte non finisse
vado in controtendenza adesso
è più forte la voglia di ombre
la luce mi acceca
nella notte ritrovo il cuore
del mondo
il cerchio di fuoco acceso
dentro cui buttarsi
per sparire nel rosso
e rinascere
come terra da amare
*
sono fragile nel segno della mano
nei tratti arteriosi
delle finestre accese
posseggo un solo ricordo
misuro un solo cammino
vado anch’io come un’ombra
slanciata nel fragore del tuono
dio, se la morale
fosse un umore carnale
se si potesse mischiare
col riverbero a pelle
di voluttà di carne di ardore
Se mi aspetta un’altra vita – Da “Folignano City Blues” ( ed. Lìbrati, Rinascita – 2019)
Tanti specchi in casa
tanti dolci fantasmi
girando per la stanza
tanti incidenti
scappando dalle finestre
ululano le membrane
della tua pelle
l’ombra
prigioniera dei tuoi passi:
Dove stai cuore
che non sento il tuo palpitare? (*)
le speranze usate
le gioie rotte.
Magari la tua storia
interessa poco
in questa Apocalisse di storie
la tua povera persona
in questa moderna globalizzazione
resisti
abbandona i segnali di fumo
gli indigeni sono stati civilizzati
poverini
gli alberi dei boschi
hanno fornito carta
per fissare tanti concetti inutili
le parole camuffate
hanno perso il loro valore d’uso.
Se mi aspetta un’altra vita
che sia di pietra
di montagna.
(*) “Dove stai cuore/che non sento tuo palpitare?”: frammento di un tango.
SOLITUDINE
Solitudine meschina, diluita col tempo che tu passi
ad intrecciar gli sguardi nei vuoti occhi del domani,
che sondi fondali soli, e come ti muovi
nei torbidi momenti
dove il sole piano si sparpaglia,
dove l’ombra della notte sempre m’accompagna.
Quando l’alba sale nel suo scivolo e curva,
quando puntuale scende la smania
che come l’edera sui muri delle vecchie case,
penetra e circonda, quel poco chiaro
che agli occhi nostri vale una dottrina di fortuna:
è la solitudine che getta l’occhio nella sofferenza
dentro dissennati fievoli ricordi,
di giorni opachi, appannati giorni di pioggia.
Q U I
Voglio declamare una preghiera ma non per paura;
le luci sono affievolite e le coronarie
suonano ad intermittenza,
come una slavina il mio cuore imbambolato
come quegli amori spenti presto e chissà,
quanto la mia vita dura!

 

“Le sere di Maggio” da “I bisbigli di un’anima muta” di Zairo Ferrante (CSA ed. 2012)

*LE SERE DI MAGGIO

(Ad Aquara)…

di

Zairo Ferrante

 

Aquara_notteE nel cielo il sole si spegne

come candela nel mare.

E, rubine, le nubi salutano

uno spicchio color di limone

che nel vuoto si dondola.

E nell’aria…non aspro

fumo di fiamma bagnata, ma

profumo di rose appena rinate!

E una musica coccola

le sere di maggio.

E dal faggio lontano

s’appresta la notte

a salire sospinta

dal canto smarrito

di una civetta.

Che ancora è coperto

dall’ultima corsa

di giovani rondini

che, sospese nel nulla,

si lanciano fischi.

Ed io solo seduto

sul filo di vita,

la quiete mi godo

nelle sere di maggio.

E spenti i miei occhi,

nella mente ricerco

il bottone.

La chiave nascosta

per la fine del giorno.

Con mano tremante

lo pigio in silenzio

e son mille scintille

che cadono lente.

Si chiamano stelle

che sfiorano l’erba,

che danzano dolci

nei campi di grano.

Ed ecco, in un attimo

la morte è lontana!

Ritorno bambino

vicino ai miei sogni,

ritrovo le lacrime,

e rivedo le lucciole

in quest’aria volante

delle sere di maggio.

 

*Ad Aquara mia terra ed ai suoi Figli miei Amici e Fratelli.

**Immagine Aquara tratta da: https://it.wikipedia.org/wiki/Aquara#/media/File:Aquara_notte.jpg

Il Dinamismo sostiene Raoni Metuktire e la campagna della Ong “Planète Amazone” – Le “Dinanimismo” soutient Raoni Metuktire et la campagne de la ONG “Planète Amazone”.

raoni-aldeia-metuktire web-98305f8d134c4e1ead4bf462e6f96c43_sb900x507_bb1x58x900x450Il Dinanimismo, movimento poetico d’avanguardia fondato dal poeta e medico italiano Zairo Ferrante, sostiene la campagna intrapresa dalla ONG “Planète Amazone” e da GertPeter Bruch, destinata a sostenere vari popoli indigeni dell’Amazzonia, che sono impotenti di fronte al coronavirus.

La prima operazione andrà a beneficio del cacique Raoni e la sua gente.

Come riportato in un articolo pubblicato su “Repubblica” il 27 aprile 2020: “Abbiamo bisogno del vostro aiuto e mi rivolgo a voi per sostenere la mia comunità. Senza il vostro aiuto, le popolazioni indigene dell’Amazzonia non saranno in grado di affrontare questa terribile pandemia”. Con voce preoccupata ma ferma il capo indigeno Kayapo Raoni Metuktire, figura emblematica nella lotta alla deforestazione e potenziale Nobel per la Pace 2020, lancia un appello alla comunità internazionale per raccogliere dei fondi da usare per sostenere le tribù costrette a nascondersi all’interno della grande foresta pluviale per sfuggire ai contagi del Covid 19. … “Purtroppo”, scrive nella lettera letta anche su un video postato dalla ong francese Planète Amazone, “il mondo intero soffre oggi a causa di questa terribile malattia. In quanto leader, responsabile del mio popolo Mebengokrê, ho chiesto a tutti gli indigeni di evitare di recarsi in città e di restare nei loro villaggi per proteggersi. Mi hanno ascoltato; ma noi abbiamo bisogno di aiuto per permettere loro di restare in sicurezza. Per questo motivo, autorizzo Gert-Peter Bruch, nel quadro dell’Associazione Planète Amazone, a realizzare una campagna con lo scopo di raccogliere 10 mila euro. Serviranno ad acquistare materiale per la pesca, combustibile e qualche prodotto base per la nostra sussistenza. Per favore, aiutateci a evitare un genocidio nei nostri villaggi”. … continua su: https://www.repubblica.it/esteri/2020/04/27/news/amazzonia_l_appello_del_capo_indigeno_aiutateci_a_evitare_un_genocidio_-255006636/?ref=fbpr&fbclid=IwAR1XxLD0S8WAlQvF6gYsHO69uxmcDDP1oiDxxKsyd6hiFOyM98FeBbOs59A

Per le donazioni: https://www.helloasso.com/associations/planete-amazone/collectes/covid-19-protegeons-les-gardiens-de-l-amazonie?fbclid=IwAR3oi9GmyTLnjSXRyNZj_UXHh88G4rt6DKmBuqLDk-unNasU8Zwtfw8a0yk

Le “Dinanimismo”, mouvement poétique d’avant-garde fondé par le poète et médecin italien Zairo Ferrante, soutient la campagne menée par l’ONG “Planète Amazone” et Gert-Peter Bruch, destinée à soutenir les différents peuples indigènes d’Amazonie, impuissants face au coronavirus.

La première opération profitera au cacique Raoni et à son peuple.

Comme le rapporte un article publié dans “Repubblica” le 27 avril 2020 : “Nous avons besoin de votre aide et je me tourne vers vous pour soutenir ma communauté. Sans votre aide, les peuples indigènes de l’Amazonie ne pourront pas faire face à cette terrible pandémie”. D’une voix inquiète mais ferme, le chef indigène Kayapo Raoni Metuktire, figure emblématique de la lutte contre la déforestation et prix nobel de la paix potentiel en 2020, lance un appel à la communauté internationale pour collecter des fonds afin de soutenir les tribus contraintes de se cacher dans la grande forêt tropicale pour échapper à la contagion du Covid 19. “Malheureusement”, écrit-il dans la lettre lue également sur une vidéo postée par l’ONG française Planète Amazone, “le monde entier souffre aujourd’hui à cause de cette terrible maladie. En tant que chef, responsable de mon peuple Mebengokrê, j’ai demandé à tous les indigènes d’éviter d’aller en ville et de rester dans leurs villages pour se protéger. Ils m’ont écouté ; mais nous avons besoin d’aide pour leur permettre de rester en sécurité. C’est pourquoi j’autorise Gert-Peter Bruch, dans le cadre de l’association Planète Amazone, à mener une campagne visant à collecter 10 000 euros. Ils serviront à acheter du matériel de pêche, du carburant et quelques produits de base pour notre subsistance. Aidez-nous à éviter un génocide dans nos villages”. … continue: https://www.repubblica.it/esteri/2020/04/27/news/amazzonia_l_appello_del_capo_indigeno_aiutateci_a_evitare_un_genocidio_-255006636/?ref=fbpr&fbclid=IwAR1XxLD0S8WAlQvF6gYsHO69uxmcDDP1oiDxxKsyd6hiFOyM98FeBbOs59A

Per le donazioni: https://www.helloasso.com/associations/planete-amazone/collectes/covid-19-protegeons-les-gardiens-de-l-amazonie?fbclid=IwAR3oi9GmyTLnjSXRyNZj_UXHh88G4rt6DKmBuqLDk-unNasU8Zwtfw8a0yk

 

Da Poeta a Poeta… da Carlos Sanchez a Gabriel Impaglione

Poverina Lei

di

Carlos Sanchez

A Gabriel Impaglione

94331240_10216503903965375_5703520619795054592_nMi chiedi di guardare questo mondo incerto
profetizzando cambiamenti profondi
nel branco delle belve semicivilizzate
che si proclamano padroni
chiedi che alzi la mia voce contro l’ingiustizia
che divori le mani gli occhi il cuore
che invochi un’uguaglianza che ignoro
una distribuzione equanime dei frutti
che il Signore ha creato
nella sua perversa fantasia messianica.
La mia povera poesia non sa produrre
alchimie così perfette
confinata com’è in questo corpo effimero
in questo operaio –senza protezione- della parola.
Ho visto accendersi così tanti fuochi
in questa fuggevole esistenza
spianati dal vento della polvere da sparo
dal boato assordante degli stivali
dalla forza degli imperi di turno.
La mia povera poesia non può rimediare
all’alluvione zoologica delle orde.
Non per questo il mio canto ammutolisce
non per questo si estingue.

Da “La poesia, le nuvole e l’aglio”
Librati, Ascoli Piceno, 2009

Pobrecita Ella
A Gabriel Impaglione

Me pides que mire a este mundo incierto
preconizando cambios profundos
en la jauría de las bestias semi-civilizadas
que se proclaman dueños
que alce la voz contra la injusticia
que devora las manos los ojos el corazón
que invoque una igualdad que desconozco
una repartición ecuánime de los frutos
que el buen Señor ha originado
en su perversa fantasía mesiánica
Mi pobre poesía no sabe producir
alquimias tan perfectas
confinado como está en este cuerpo efímero
en este obrero ─ sin protección ─ de la palabra.
He visto encender tantos fuegos
en esta escurridiza existencia
arrasados por el ventarrón de la polvera
por el ruido ensordecedor de las botas
por la fuerza de los imperios de turno.
Mi pobre poesía no puede remediar
el aluvión zoológico de las huestes.
No por eso mi canto enmudece
no por eso se extingue.

De “La poesía, las nubes y el ajo”
Librati, Ascoli Piceno, 2009

 *Versi ricevuti direttamente da Carlos Sanchez tramite social network.
Pagine:«1234567...73»