Browsing "Senza categoria"

L’Alveare e il Dinanimismo insieme all’Aquara Music Fest per assegnare il “Premio della critica Fioravante Serraino” …

AMFL’associazione Culturale L’Alveare (organizzatrice dell’Aquara Music Fest) e il movimento poetico-artistico Dinanimista, collaboreranno insieme  all’assegnazione del “Premio della critica Fioravante Serraino” durante il contest musicale che si svolgerà il prossimo 16 e 17 agosto ad Aquara.

La giuria critica, che assegnerà il premio per il miglior testo, sarà composta da:

I premi del Contest Musicale Fioravante Serraino sono i seguenti:
§Premio Aquara Music Fest– alla band o al solista decretato vincitore del Contest Musicale dalla giuria tecnica verrà finanziato un progetto artistico relativo alla propria attività musicale per un ammontare pari a Euro 500,00.
§Premio della critica Fioravante Serraino– la giuria L’Alveare/Dinanimismo assegnerà il premio della critica Fioravante Serraino per il miglior testo tra le band finaliste al Contest Musicale. Il premio è così intitolato in memoria del membro fondatore e anima dell’Associazione Culturale L’Alveare, Fioravante Serraino. Al vincitore di questa sezione verrà finanziato un progetto artistico relativo alla propria attività musicale per un ammontare pari a Euro 500,00.
§Premio Partecipazione– tutti i gruppi finalisti riceveranno gratuitamente un Videoclip a cura della CineFrame Productiondi brano a scelta dalle band, per un valore pari a Euro 300,00.
I partecipanti alla fase finale del concorso avranno uno sconto del 50%alle MasterClass che si terranno la mattina del 17 agosto. Tutti i gruppi finalisti riceveranno a titolo gratuito il Premio Partecipazione insieme a un book fotografico.

Dinanimismo 2009-2019 (10 anni d’avanguardia poetico -artistica) – il nuovo e-book del dinanimismo – edito da “Asino Rosso Libri”

dinanimismo-ebook-coverDecennale per la poetica postromantica 2.0  lanciata dal poeta Zairo Ferrante, tra i più emergenti nel  panorama italiano, purtroppo -altrove- manieristico oggi dominante dove la poesia  è storicamente spesso combinatoria di  vacue parole velleitarie, cloaca di espressività minore, anche spesso sopravvalutata, che impietosamente non regge il confronto con la grande poesia  classica, dal postsimbolismo stesso e le avanguardie soprattutto del primo novecento.
Ferrante invece con il suo dinanimismo traccia una rotta semi inedita, fare bellezza e anima nel mondocomputer,  ispirato anche dal grande postjunghiano psicologo James Hillman (la poesia quasi significante della mente umana tra le sue originali teorie) o il miglior Bauman, tempi liquidi ma insufflati di acqua h20 pura e destinata all’avvenire. Questa produzione di Zairo Ferrante (suportata come co-curatore dal futurista – in fondo tecnoromatico – Roby Guerra e editor on line) è celebration a più voci, coinvolgendo  diversi altri scrittori  con affinità dinanimiste -per cos’ dire- condivise da tempo e periodicamente collaboratori del suo sito promotore on line  e-bookdinanimismo.
Ferrante e il Dinanimismo, e  i dinanimisti?
Ferrante non a caso  appena anche pubblicato dalle storiche edizioni Il Foglio, specializzate nella Poesia…  Nel volume  web in questione significativi ulteriormente gli autori, tutti di provato e provabile nuovo rigore  versificante, un nome su tutti la stessa internazionale scrittrice Margaret Saine, oltre al compianto Girolamo Melis (tra i pionieri della sinergia dinanimista).  Oltre, naturalmente a un ampia ouverture -e  poi epilgo- su certa autorevole  passata rassegna stampa e i manifesti del  movimento poetico.
In dieci anni di attività il Dinanimismo (movimento poetico-artistico già riconosciuto della critica) ha collaborato con le principali Avanguardie letterarie ed artistiche attive in Italia.  Ad oggi  numerosi Autori (ndr. oltre 60), sia Nazionali che Internazionali, hanno deciso di sostenere la neoavanguardia dinanimista, inviando e  pubblicando gratuitamente proprie “opere” (poesie, saggi, quadri etc. etc.) sul blog ufficiale del Movimento, tutt’ora in piena attività (https://e-bookdinanimismo.myblog.it/).
Scopo di quest’antologia collettiva è quello di celebrare il 10° compleanno del Movimento, con l’augurio che il Dinanimismo possa continuare a crescere, senza mai abbandonare la strada intrapresa nel 2009,  in attesa del 2029.
Il volume, curato da Zairo Ferrante e Roberto Guerra, contiene un’introduzione con le principali note critiche e segnalazioni ricevute dal Dinanimismo, un’antologia collettiva AA.VV. e la sintesi dei principali manifesti del Movimento.
Questo l’elenco degli Autori presenti nell’opera: Miranda Baccini, Roberto Collari, Sylvia Forty, Roby Guerra (bonus track futurista :)), Pietro Edoardo Mallegni, Girolamo Melis (Special Guest), Marco Nuzzo, Maria Pellino, Margaret Saine, Adriana Scanferla, Rita Stanzione e Michela Zanarella. 
Giu 8, 2019 - Senza categoria    No Comments

Vivere in dignità… essenza stessa della Vita – Riflessioni sulla “vicenda Noa” della scrittrice (già candidata al Nobel per la Letteratura) Giovanna Mulas.

70412Tempo fa, nell’incipit di un manifesto del Dinanimismo, riportavo le splendide parole della Prof.ssa Mulas: “Già vivere in dignità e controcorrente, oggi, è Arte”

A distanza di 10 anni, il problema sembra essere lo stesso e la domanda che mi (Vi) pongo è: vivere in dignità può rappresentare l’essenza stessa del vivere?

Di seguito riporto una recente riflessione della scrittrice Sarda ricevuta tramite social network (https://www.facebook.com/giovanna.mulas.58?__tn__=%2CdlC-R-R&eid=ARBcSy3KSrz_CN_IXX-bT9i_0GywbZGE-gLKwp8kL6HX5v_-7c0xPVV9S3M2LDcXI7uEqGzZ3iI4rAx-&hc_ref=ARS81Hrj58KEaRBl-qzHHzC6aH88z96H8Ja64Crz67RmmBCnFhfBdxgiAOdTSPBP-Wk).

Buona lettura.

ZF

Eutanasia per ‘vivere’ davvero?. Non scegliamo di nascere ma sì possiamo e dovremmo, da uomini liberi, poter scegliere Quando e Come morire?.
Chi davvero può decidere cosa è degno per noi e cosa non lo è, se non noi stessi?.
Ancora, dignità vuole dire farsi violentare senza reagire?, insisto.
In un mirabile articolo di Annalisa Grandi per il ‘Corriere della Sera’, si apprende la storia della diciassettenne Noa, che a dicembre aveva raccontato ai media olandesi di aver provato a contattare una clinica per il fine vita all’ Aja. E di averlo fatto senza dirlo ai genitori e ai suoi fratelli, contrari alla decisione. Domenica ad Arnhem, in Olanda, col supporto dei medici di una clinica specializzata, e con sua madre accanto, Noa è stata sottoposta all’ eutanasia.
Noa era stata molestata da bambina e violentata a 14 anni. Anoressia, disturbo da stress post traumatico, la depressione l’avevano accompagnata negli anni a seguire. Finché Noa aveva deciso di denunciare al mondo il suo vissuto, anche tramite una dolorosa autobiografia.
“Voglio provare ad aiutare altri giovani come me…”, sosteneva, “Visto che in Olanda non esistono strutture o cliniche per ragazzi con questo tipo di problemi”.
Il suo addio l’ha dato con un post su Instagram: “Finalmente la battaglia è terminata”.
Noa, figlia di noi tutti, apre la porta a diverse considerazioni su abuso e vita (come non definire la sua stessa morte un femminicidio?. Uccisa dalla violenza subita, più che dalla eutanasia voluta), quindi ad ulteriore dibattito mai chiuso, forte e sempre attuale: eutanasia si, eutanasia no?
Certamente occorre il cambio del paradigma: è migliore quella Società -quel Mondo- dove, tramite la cultura, vanno a generarsi condizioni di autentica scelta. Dove non s’impone una visione del mondo alla Persona in grado d’intendere e di volere, ma la si fa comprendere e criticare costruttivamente quindi accettare o rifiutare; poco c’importa, ma deve importare il rispetto verso l’individuo.
Lavorare costruttivamente già dalle classi primarie, lavorare sulle madri degli uomini che saranno e, in questo, dono alla donna potente responsabilità civile.
Ma solo Uomini liberi sono in grado di formarne altri.

Giovanna Mulas

*Immagine: “Giuditta e Oloferne” – Caravaggio – postato dalla redazione e liberamente tratta da https://www.expedia.it/explore/opere-caravaggio-i-15-dipinti-piu-belli

Mag 12, 2019 - Senza categoria    No Comments

La memoria secondo il poeta Carlos Sanchez… la poetica dell’attualità.

“Senza memoria”

di

Carlos Sanchez

renc3a9-magritte-memoria-1944Nella soffitta
c’è un baule
con libri di storia
che nessuno legge
la negligenza
l’ignoranza
non ha niente a che vedere
in questo assunto.
Si tenta solo di sapere
che pensa
un essere umano
senza radici
un essere al vento.
Per quel motivo si masturbano
credendo che tutto
si è inventato oggi
che la barbarie
non esiste
non è esistita.
Viviamo
in questa miserabile realtà
e il povero cane
si morde la coda.

Folignano City, 2019

Sin memoria

renc3a9-magritte-memoria-1948En la buhardilla 
hay un baúl
con libros de historia
que nadie lee
la desidia
la ignorancia
no tiene nada que ver
en este asunto.
Se trata sólo de saber
que piensa
un ser humano
sin raíces
un ser al viento.
Por eso se masturban
creyendo que todo
se ha inventado hoy
que la barbarie
no existe
no ha existido.
Vivimos 
en esta miserable realidad
y el pobre perro 
se muerde la cola.

Folignano City, 2019

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite social network.

**Quadri “Memoria, 1944 e 1948” – Magritte, postati dalla redazione e liberamente tratti da: https://lasottilelineadombra.com/2018/02/08/magritte-memoria-testa-donna-sopracciglio-insanguinato/

Mag 4, 2019 - Senza categoria    No Comments

“Adesso parlo io” di Roberto Guerra: Mussolini in un pamphlet fantapolitico, oltre la destra e la sinistra.

robyguerra-750x420“Adesso parlo io”, l’ultimo libro di Roberto Guerra, edito da Armando editore.

Un’opera complessa, in cui ritroviamo un Mussolini che parla di  Berlusconi, Gramsci, Craxi e Prodi e che si lancia in una sorprendente disamina politico-culturale (che a tratti diviene vera e propria critica)  degli ultimi 100 anni di storia del nostro Paese.

Brani per certi aspetti molto attuali e coraggiosi; partoriti, ovviamente, dalla coraggiosa mente di un Autore ormai maturo, che non si preoccupa in alcun modo delle possibili critiche e/o strumentalizzazioni che potrebbero nascere da una lettura banale e “volgare” del suo testo.

Infatti, sfogliando le pagine in modo superficiale, possiamo imbatterci in pensieri letteralmente “incondivisibili” e “sconcertanti” ma, se le si legge con la dovuta attenzione, capiamo immediatamente di avere tra le mani un libro che mira, senza alcun dubbio, ad andare “al di là della destra e della sinistra”.

Un vero e proprio percorso fantapolitico (per dirla con le parole dello stesso Autore) che vuole sottolineare  come, in questo ultimo secolo, la politica abbia cambiato la sua forma ma -forse- non la sua sostanza.

Ed ecco che, a tal proposito, mi piace citare quel Berlinguer “compagno doc” e concludere questa mia breve nota, ovviamente senza anticiparvi troppo, con un estratto dall’ultimo capitolo dell’opera,  intitolato -appunto – “Futurismo contro Casa Pound”.

Semplicemente: in questi anni Duemila Casa Pound, a dispetto di un paio di manifesti formalmente interessanti, in cui si proclamava la fine della destra e della sinistra, nei fatti globali movimentistici politici e metaculturali è rimasta neppure a metà del guado. CP è di destra eccome… ancora nostalgica, esattamente… specularmente (ribadiamo) come molti Centri sociali. […] Quel che chiariamo oggi è il binomio impossibile tra CP e Futurismo:
legittimo, nel menu culturale di CP parlare semmai di neo d’annunzianesimo, pur anche qua con molte X, meglio di neodecadentismo liquido. Nessuno criticamente parlando può demonizzare CP, negando anche certa operatività legittima metaculturale, ma il futurismo non c’entra nulla, è un falso storico 2.0, anzi il neofuturismo e il futuro sono – per quel che ci riguarda (ovvio spottizzando e semplificando) di Sinistra 2.0! […]

ZF

Per acquisto: https://www.ibs.it/adesso-parlo-io-mussolini-rivoluzionario-libro-roberto-guerra/e/9788869925153

Selezione (senza contributi economici) di poesie e saggi da inserire in un e-book per celebrare i 10 anni del Dinanimismo

copertina e-book dinanimismoIl Dinanimismo, in collaborazione con l’Editore sperimentale “Asino Rosso E-book” , sta concretizzando un’antologia  poetico-letteraria intitolata “Dinanimismo – 10 anni di avanguardia poetico-artistica”.

L’opera, curata da Zairo Ferrante e Roberto Guerra, sarà edita esclusivamente in formato elettronico da http://www.asinorossoebook.onweb.it/ (con distribuzione on-line https://www.mondadoristore.it/Asino-Rosso-X-AAVV-a-cura-di-Roby-Guerra/eai978882957913/) ed avrà lo scopo di celebrare i 10 anni di attività del movimento Dinanimista.

Seguiranno, ovviamente, diverse iniziative promozionali on-line.

Ti interessa partecipare alla selezione senza alcun contributo economico?

Basta inviare, entro e non oltre il 31 Maggio 2019,  un’e-mail a libraccio779@gmail.com ( oggetto e-mail: selezione ebook dinanimismo 10 )  con allegati:

  • un unico file word ( massimo 3 pagine, times new roman 12, interlinea 1 ) contenente due testi poetici o un saggio (editi, benché se ne detengano i diritti, o inediti) e una nota biografica ( N.B. le opere ricevute saranno tutte sottoposte a selezione da parte dei Curatori ed il loro giudizio è da considerarsi insidacabile – l’esito verrà comunicato tramite e-mail).
  • E la seguente liberatoria debitamente compilata e firmata.

Spett.li

Redazione del “Dinanimismo”libri eBook Asino Rosso/Street Lib
a cura di Roberto Guerra

Oggetto: Cessione dei diritti.

Il sottoscritto _________________________ (nome cognome), con residenza in _________________________ (indicare comune e provincia), codice fiscale _________________________, in qualità di _____________ (indicare ruolo, ad esempio: Autore.) relativamente all’opera ( -e) di seguito indicata (-e):

  • titolo, autore, (e altre informazioni utili al fine di una ragionevole identificazione)

concede, per tutto il mondo e senza limitazioni temporali, in via non esclusiva, l’inserimento dell’opera(-e) sopra indicata(- e) nell’antologia collettiva dal titolo “Dinanimismo – 10 anni di avanguardia poetico-artistica”, curata da Zairo Ferrante e Roberto Guerra e che verrà edita in formato digitale e distribuita on-line (con prezzo da definirsi) da libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra.

Resta inteso che:

  1. i suddetti diritti potranno essere esercitati direttamente da Redazione del “Dinanimismo” e libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra  ovvero da soggetti terzi autorizzati da Redazione del “Dinanimismo” e libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra; nel qual caso la Redazione del “Dinanimismo” e libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra  potranno individuare tali soggetti terzi nonché negoziare e concordare autonomamente con detti terzi le condizioni per l’esercizio dei suddetti diritti, a propria discrezione;
  2. il sottoscritto dichiara che la concessione dei diritti di cui sopra a Redazione del “Dinanimismo” ed a libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra è a titolo gratuito; pertanto non avrà nulla a che pretendere, ad alcun titolo, né da Redazione del “Dinanimismo” né da libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra né da alcun terzo da questi autorizzato;
  3. il Sottoscritto garantisce la piena disponibilità dei diritti di cui sopra e libera la Redazione del “Dinanimismo” e libri eBook Asino Rosso/Street Lib a cura di Roberto Guerra da qualsiasi pretesa o rivendicazione in merito a tale disponibilità;
  4. la concessione dei diritti è in via non esclusiva.

Data: 

(firma nome cognome del detentore dei diritti)

Mar 29, 2019 - Senza categoria    No Comments

Rapsodia di primavera – versi di Maria Pellino

Rapsodia di primavera

di 

Maria Pellino

gustav-klimt-italian-garden-landscapeEsplodono riverberi di luce
a coronare l’universo d’intensità,
mentre il cielo terso
ammanta d’azzurro il firmamento con le sue arcate,
un’orchestra d’anime che coglie in volo melodie in libertà.
Sorridono di gemme gli anfratti cupi,
rami spogli che il vento onora del suo amore.

Laddove il cuore consola ogni sguardo e
l’attimo rinasce nel suo infinito movimento,
lì si ode una musica d’ eterno, vivido intreccio di assoli,
rapsodia di primavera.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice

**Quadro “Gustav Klimt, Giardino italiano, 1913” postato dalla redazione del blog e liberamente tratto da:https://lasottilelineadombra.com/2018/04/05/5-quadri-primavera-artisti-famosi/ 

Dic 16, 2018 - Senza categoria    No Comments

Buon Inverno con Jacques Prévert e Marc Chagall

marc-chagall-sopra-vicebsk-amministratore-generale-dello-stato-di-israeleCHANSON POUR LES ENFANTS L’HIVER

di

Jacques Prévert

 

Dans la nuit de l’hiver

Galope un grand homme blanc.

C’est un bonhomme de neige

Avec une pipe en bois,

Un grand bonhomme de neige

Poursuivi par le froid.

Il arrive au village.

Voyant de la lumière

Le voilà rassuré.

Dans une petite maison

Il entre sans frapper,

Et pour se réchauffer,

S’assoit sur le poêle rouge,

Et d’un coup disparaît

Ne laissant que sa pipe

Au milieu d’une flaque d’eau,

Ne laissant que sa pipe

Et puis son vieux chapeau.

Nella notte d’inverno
galoppa un grande uomo bianco
galoppa un grande uomo bianco

è un omone di neve
ha una pipa di legno
un omaccione di neve
inseguito dal freddo

arriva in paese
arriva in paese
vedendo la luce
si sente sicuro

in una casetta
entra e non bussa
in una casetta
entra e non bussa

e per riscaldarsi
e per riscaldarsi
si siede sulla stufa arroventata
e d’improvviso ecco che scompare

e rimane solamente la sua pipa
proprio nel mezzo di una pozzanghera
e rimane solamente la sua pipa
e il suo vecchio cappello.

*Traduzione in italiano tratta da: https://www.filastrocche.it/contenuti/canzone-dellinverno/

*Guarda Video: https://youtu.be/8ZOL5hk6r0w

***Quadro – Marc Chagall, Sopra Vicebsk – postato dalla redazione e liberamente tratta da: https://lasottilelineadombra.com/2016/01/15/inverno-neve-quadri-artisti/

 

“Veleno” di Maria Pellino… sulle pagine del Dinanimismo per un mondo libero dalle mafie.

terra-dei-fuochiVeleno

di

Maria Pellino 

Cattura nell’aria la dolce brezza della vita
un antico dolore dal sapore di un presente
appassito e svuotato.
Esalano veleno terre sconfitte dal fuoco dell’ infamia.
Madri che cullano nel grembo fantasmi inviperiti,
al cielo innalzano grida di disperata fattezza.
Nel cuore ferite si aprono all’amaro sentire
 di una rassegnata verità.

@MariaPellino

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice tramite e-mail.

**Immagine liberamente tratta da: http://www.meteoweb.eu/2014/07/studio-iss-terra-dei-fuochi-non-viene-stabilito-nesso-causale-mortalita-inquinanti/296453/

Mag 16, 2018 - Senza categoria    No Comments

Miranda Baccini e la solitudine ( della Poesia ) sulle pagine del dinanimismo.

Solitudine
di
Miranda Baccini
Marco-Josto-AgusIl silenzio mi avvolge.
Solo il fruscio del vento
sembra bisbigliare parole.
La tua voce mi giunge
da lontano,dal profondo
della tua anima.
Attraversando i cieli
come aquila è venuta
a risvegliare ricordi.
Parole dolci e amare
si rincorrono come
in un gioco.
Il silenzio diventa
folla vociante
nella mia testa.
I pensieri si accavallano
come marosi e schiumando
infrangono l’oblio.
Di nuovo odo il fruscio
del vento.
A gradini salgo 
verso il cielo lentamente
trattenendo il respiro
Là dove il silenzio
è musica.
*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice.
Pagine:123»