Il nuovo sito di Giancarla Parisi… news, opere e manifesto GCP!!!

F70896ED-BFFE-436F-A89A-11A89B88E743…Fortunatamente disponiamo anche di un punto di vista femminile sul futurismo: leggendo attentamente il coevo testo della Valentine de Saint-Point, autrice del Manifesto della Lussuria e del Manifesto della donna futurista, si comprende che egli non si riferiva tanto al genere femminile in toto, bensì a quel femminino molle, femminista e degenerativo trasversale ad ambo i sessi e ritenuto antipatriottico, antieroico, non attivista, pacifista e buonista, affatto adatto al “virile” progetto rivoluzionario futurista. Quello che Valentine cercava di esprimere con le parole, un’artista idealmente a me molto vicina, Tamara de Lempicka, lo esprimeva egregiamente con i suoi tratti di pennello…

CONTINUA SU manifesto GCP: http://www.giancarlaparisi.it/

Foto quadro dell’artista tratto sempre da http://www.giancarlaparisi.it/

Salvatore Toma… A Great Poet… a trent’anni dalla sua scomparsa… articolo di Carlo Infante.

paesaggio-1In marzo cade il trentesimo anniversario della prematura scomparsa di Salvatore Toma, notevole ed eccentrico poeta magliese, studiato anche all’estero e ricordato come Totò Franz ed anche come A Great Poet… a ricordarcelo è Carlo Infante dalle pagine di “leccecronaca.it”.

Di seguito riportiamo una sua poesia tratta dal medesimo articolo che è consultabile in versione integrale accedendo al seguente link presende in fondo a questa pagina:

 

BUTTATE FOGLIE SUI MORTI

Buttate foglie sui morti

buttate foglie sui morti

sui morti che

sono eternamente nati

eternamente in noi

buttate foglie sui morti

foglie secche e lieve terra

perchè i morti sono leggeri

buttate terra sui morti

perchè sono essi i veri vivi

buttate terra sui morti

sui morti nati necessari

sui morti che ci fanno vivere

sui morti che importano

buttate foglie foglie leggere

e con le foglie aria.

CONTINUA SU:http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/03/17/salvatore-toma-in-memoriam/

**Immagine/fotogramma del film “Al di la dei sogni” postata dalla redazione e liberamente tratta da: http://www.isolaillyon.it/2014/04/23/walking-in-a-movie-quanto-fantasy-ce-in-al-di-la-dei-sogni.html

” L’ IMPROBABILE MARITO….e la Maddalena” di Fausta Dumano

L’ IMPROBABILE MARITO….e la Maddalena 

Michelangelo_Caravaggio_063Le prof le riconosci anche a pranzo fuori, cominciano a parlare sempre di scuola, dice  Marco, LEI NON è una prof  ne sono sicuro , sta raccontando un sogno o la trama di un film … Mi ha conquistato con il suo narrare , le lascio il pranzo pagato a lei e alla sua amica, lascio un biglietto, ma non lo firmo. Carla si avvicina alla cassa per pagare, la cassiera ”Signora è stato pagato e qui c’è una busta per lei ,ah è stato pagato il pranzo anche alla sua amica ”, Carla apre la busta ”Ti avrei sposato per allegria, ma sono sposato senza allegria, mercoledì prossimo mangio nuovamente qui, se lo vorrà potrà essere nuovamente mia ospite, mi limito ad ascoltare il suo narrare , resto con il dubbio, non può essere una banale prof, come dice il mio amico, le prof raggiungono l’ orgasmo parlando e pensando alle griglie, alla giungla burocratica. ”Ah – pensa Carla – se questo improbabile marito avesse saputo che il mio sogno è fare l’ impiegata postale che mette timbri sulle raccomandate, per avere tanto tempo libero per scrivere i racconti , chissà che direbbe”. La settimana scorre velocemente, un tarlo accompagna  Carla: se andare alla tavola calda , simpatico il biglietto , ma incontrare uno sposato senza allegria , che avrebbe sposato lei invece per allegria , poi lei in realtà non stava raccontando con la fantasia, stava semplicemente interrogandosi  se il suo matrimonio fosse valido, se potesse uscire dall’aula di tribunale dimostrando che in fondo il suo matrimonio era stato inesistente . Non ci sono foto, video che narrano e raccontano il suo matrimonio . Quella mattina lui, lo sposo, preso dalla sua ricerca sui  Templari aveva confuso chiesa. Lei si era recata nella chiesa di San FOLCO  a Santopadre, lo aspettava davanti all’altare  con la tela  della  Maddalena, c’era il parroco nervoso, mai aveva aspettato così a lungo uno sposo. Dopo un’ ora lo chiamò sul cellulare, lui si trovava  nella chiesa di San Folco ma a Troia, in Puglia, aveva inseguito la pista dei Templari, nell’ altare c era la tela della  Maddalena. Il matrimonio fu celebrato con un Si detto al cellulare, unica testimone per la coppia la  Maddalena. Quella Maddalena li aveva uniti, quella  Maddalena li aveva allontanati, lui inseguendo i Templari, lei inseguendo le  Maddalene.

Un giudice doveva decidere .

Ma il turbinio combinatorio a volte tesse  delle tele intricate, quell’ uomo che l’avrebbe sposata per allegria era il protagonista del corto  con cui lei aveva vinto ”L’inquietudine della sposa”, aveva girato per un concorso le scene del suo matrimonio, non aveva mai ripreso nel volto la sposa , la sua mano  tremolante aveva contribuito a farla vincere .

Incontrandosi  nuovamente, narrandosi, scoprendo lo strano intreccio, realizzarono che involontariamente stavano pranzando insieme il giorno di San Valentino.

Chi regge i fili della ragnatela aveva deciso che  nel locale ci fosse un terrorista ricercato, due colpi di pistola e l’ improbabile marito morì sul colpo, Carla si guardò attorno, sulla parete una stampa, LA MADDALENA in versione pop.

*Scritto ricevuto direttamente dall’Autrica.

**Foto: quadro “la Maddalena penitente – Caravaggio – postato dalla redazione e tratta da: https://it.wikipedia.org/wiki/Maddalena_penitente_(Caravaggio)

“Lit Angels”, il nuovo libro della poetessa californiana Margaret Saine… versi tradotti per il Dinanimismo da Rita Stanzione

BEYOND SILENCE

 

contentAs I pay attention

you are beautiful

I breathe serene

Sometimes you seem

an endless movement

 

Also your stillness

lifts me beyond

silence

 

OLTRE IL SILENZIO

 

Appena faccio attenzione

sei bellissimo

Respiro serena

A volte sembri

un movimento senza fine

 

La tua quiete

mi alza oltre

il silenzio

 

 

Traduzione di Rita Stanzione

 

BODIES

 

                        The poem is the cry of its occasion.

                                                Wallace Stevens

 

 

 

shadows on an X-ray

where is the wisdom to forestall

a shattering of bones

 

naked body lying

on a vacant shore

lying on inland soil

tenderly overgrown

with reeds and grass

 

a flight of night birds

from the sea

soaring over the shore

flight of stories

that can’t be told

until they are over

 

wisdom to forestall

the shattering of bones

a language that is

of the essence

 

CORPI

 

                        The poem is the cry of its occasion.

                        La poesia è il grido della sua occasione.

                                                   Wallace Stevens

 

 

 

ombre sulla radiografia

e dov’è la sapienza per impedire

il frantumarsi delle ossa

 

un corpo nudo sdraiato

su una spiaggia vacante

un’altro sdraiato nell’entroterra

teneramente ricoperto

di canne e d’erbe

 

un volo dal mare
di uccelli notturni
sorgendo sulla spiaggia
una fuga di storie
che non si possono raccontare
prima della fine

 

la sapienza per impedire

il frantumarsi delle ossa

il linguaggio essenziale

che occorre

 

Traduzione di Rita Stanzione

**Versi ricevuti direttamente dalla Poetessa tramite social network.

***PER ACQUISTARE: http://www.lulu.com/shop/margaret-saine/lit-angels/ebook/product-23058031.html

Ritornare cambiato… poesia di Carlos Sanchez

Ritornare cambiato

di

Carlos Sanchez

1469773931138.JPG--cilento__sulla_provinciale_c_e_un_oggetto_enorme__ecco_cos_e_e_perche_nessuno_vuole_ancora_rimuoverlo__ma_il_disagio_e_tutto_per_le_autoSe io mi reincarnassi
dico
– si fa per dire –
desidererei
un passaggio semplice
non umano
di sicuro
magari un albero
un airone
una pietra
non preziosa.
L’esperienza
è stata sufficiente
sono morto
e rinato
in questa vita.
tante volte
come ho potuto. 
L’esperienza
per me
è stata sufficiente.

Folignano City, 2015

Volver cambiado

Si yo me reencarnara
digo
– es un decir –
desearía
un pasaje simple
no humano
por cierto
quizás un árbol
una garza
una piedra
no preciosa.
La experiencia
ha sido suficiente
he muerto
y renacido
en esta vida.
tantas veces
como he podido
La experiencia
para mí
ha sido suficiente.

Folignano City, 2015

*Versi ricevuti direttamente dal Poeta Argentino tramite social network.

**Foto del “masso di Aquara” postata dalla redazione liberamente tratta da: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11935217/cilento-masso-strada-un-anno.html

Amore travolgente di Maria Pellino… versi per il Dinanimismo con quadro di Chagall

Amore travolgente

di

Maria Pellino

094140512-625f3f4b-6007-43e7-a86c-e6420ce6351eSognai di te un amore travolgente,

di tale gagliardia così intangibile

che si impresse desiderabile

 nel mio cuor servente.

Dimenticai quel volto che sfuggiva ai miei occhi

e mi rivolsi alla fiamma

che infuocava le sfinite membra.

 Amai, di passione sconvolta.

Come un uragano fagocitai

 sul mio cammino il nulla.

Della forza che mi invase

 ne conservai un barlume

che distante si affievolì di colpo.

Orsù con ardore, attinsi vigore e lustro

 dai colori dell’universo tutto intero,

così che il mio sogno si dipinse

   della luce infinita di un amore travolgente.

*Versi ricevuti direttamente dalla Poetessa tramite e-mail.

**Immagine quadro di Chagall, ”Compleanno” postata dalla redazione del Blog e liberamente tratta da: http://www.repubblica.it/speciali/arte/gallerie/2014/11/08/foto/amore-100058180/1/#1

Sorridi alla vita di Fausta Dumano… per un S. Valentino fortunato :)

Omar Sharif in a scene from the film Lawrence of Arabia..

Omar Sharif in a scene from the film Lawrence of Arabia..

Venerdì 27 gennaio, 17 minuti alle 8 Carla esce dal bar con un pacchetto di sigarette, deve salire in auto, l’aspetta la sua collega, la “Annamaria”, avere una collega di ”sostegno” fa sempre bene, soprattutto a Carla, sempre trasognata, sempre innamorata di qualcuno, di qualcosa.  Chissà cosa deve aver visto riflesso per terra, per inciamparsi in un dislivello e trovarsi stessa per terra sull’asfalto, quasi volesse violentarlo per la potenza dell’urto. Frazione di un attimo, che resta scolpito più di un attimo. Frenata dall’urlo di un autista. Fermata fuori programma. Silenzio tombale,Carla intravede una scritta ”Francesca, santa fratta”. Si alza, guarda i suoi leggins, neanche uno strappo, neanche un graffio, solo 17 minuti alle otto, sorridi alla vita, invece di correre verso la prima ora killer a scuola, sarebbe potuta approdare al cimiero, nella migliore delle ipotesi al reparto ortopedia. La collega la guarda ”meno male che non era  venerdì 17” L’ autista ”le gatte hanno sette vite, tu oggi te ne sei giocata una” Ringraziare SANTA FRATTA, mi sembra il minino. A scuola  scopre che  trattasi di Fontana fratta, vicino SANTA FRANCESCA, territorio di  Veroli. Ci sarà un segno del turbinio combinatorio, a SAN VALENTINO l’appuntamento sarà a fontana fratta per scrivere un san valentino dark, intanto sorride alla vita, effetti collaterali l’autista  le sembra il fascinoso OMAR SHARIF. Dell’ urto  violento non le resta traccia, oggi l’amore è un cavaliere gentile, lei che scrive sempre storie con il sangue delle donne, oggi non ha lasciato neanche una stilla di sangue sull’asfalto.

… immagine tratta da: http://www.artslife.com/2015/07/10/addio-omar-sharif-indimenticabile-dottor-zivago/

Il dinanimismo sostiene il progetto di crowdfunding di Michela Zanarella ed “Interno Poesia”

Le-parole-accanto

 

Interno Poesia è lieta di annunciare l’avvio di un nuovo progetto di crowdfunding per la prevendita dell’opera Le parole accanto di Michela Zanarella (prefazione di Dante Maffia). Scopo della campagna, organizzata in collaborazione con Produzioni dal Basso, è coinvolgere e rendere protagonisti lettori e scrittori in un processo partecipativo che prevede la prenotazione di una o più copie del libro in corso di edizione.

Dalla prefazione di Dante Maffia

“Michela Zanarella è ormai scrittrice affermata e conosciuta, una che la poesia la scrive e la legge con attenzione e con passione e che sa coniugare la propria biografia con le accensioni che le vengono dagli altri, con atti di agnizione che sono la fermezza della sua lealtà innanzi tutto con se stessa e poi con il mondo.
Le parole accanto è un libro la cui scrittura è sapiente e pacata e riesce a cogliere sfumature essenziali capaci di illuminare aspetti reconditi della realtà e della psiche. Si avverte che l’esperienza personale, anche all’interno degli affetti più intimi, ha lasciato tracce indelebili che tornano a dettare ombre, eppure non troviamo il minimo di recriminazione, non troviamo anatemi. La poetessa ha assorbito tristezze e dolori e ne ha fatto parole di poesia con un semplicità che, come vado sostenendo da decenni, è il solo mezzo per riuscire ad ottenere della vera poesia, quella che rinnova la sostanza della realtà e perfino della verità…”.

 

 

Apro la pelle ai giorni
 

Apro la pelle ai giorni
e mi faccio coraggio
oggi per domani e domani ancora
fino ad innamorarmi della notte
e poi del giorno 
come se fossi al primo inchino
alla vita.
Perché non posso spaventarmi
della prima ombra che appare
o della ferita che sanguina appena.
Allora cammino a piedi scalzi
tra le cose 
inciampo cado mi rialzo
e consumo gli occhi ad esplorare il cielo
pur di non perdermi nemmeno un attimo
della luce che nasce
o del sole che si spegne nella sera.
Conservo anche l’odore delle macerie
ed il peso delle lacrime 
sulle guance
senza smettere di amare
quel poco che basta 
per dare un senso al fiore
o al ramo che si spezza.

 

 

Vengo a respirare
 

Vengo a respirare 
dai tuoi confini lontani
e ci trovo tutto l’amore che non ho mai capito
io che ti ho sentito madre troppo tardi
terra impastata nella nebbia
fatta di cielo mai limpido e in lotta con il tempo. 
Poso lo sguardo dove si ferma anche il vento
nella semina che sa di grano ormai maturo
e chiudo nel cuore quel colore
che ha l’odore del pane e delle stanze di casa. 
Ti sento radice che indossa le mie vene
meta che ho lasciato troppo presto
sperando di trovare altrove
il senso del mio canto.
E intanto 
vado con la mente dove il fiume si sveglia
in quel silenzio che cammina tra i campi
fino a sera. 
E resto tra le distanze a cercare quel poco sole
sempre incerto
che mi ricorda che un giorno farò ritorno
tra i fili d’erba e le strade di polvere
dove sono stata bambina.

PER SOSTENERE IL PROGETTO: https://www.produzionidalbasso.com/project/le-parole-accanto/

Pagine:«1234567...59»