I nuovi versi e le “vecchie” radici di Maria Pellino sulle pagine del dinanimismo

Mi  estraneo

di

Maria Pellino

 

f_0816Mi estraneo per ricercare le mie radici

che il tempo e la  fatica hanno reso fievoli e dure.

Non si sono esse mai distaccate

dal valore della vita

che reduce si è conficcata nel mio fianco

come scheggia di dolore.

Sia pure in vetta, la discesa agli inferi è stata facile

avendo assaporato l’affievolirsi

di un ideale non troppo influente.

In tal tempo d’inerzia è svanito l’oro dei figli

ed un’ora più triste si consuma.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice.

*Quadro “le Radici” – dicono sia l’ultima opera di Vincent Van Gogh – postato dalla redazione e liberamente tratto da: http://www.controappuntoblog.org/2015/10/17/vincent-e-theo-le-radici/

I nuovi versi e le “vecchie” radici di Maria Pellino sulle pagine del dinanimismoultima modifica: 2017-10-31T16:26:39+00:00da zairo-ferrante
Reposta per primo quest’articolo

I commenti sono chiusi.