Sorridi alla vita di Fausta Dumano… per un S. Valentino fortunato :)

Omar Sharif in a scene from the film Lawrence of Arabia..

Omar Sharif in a scene from the film Lawrence of Arabia..

Venerdì 27 gennaio, 17 minuti alle 8 Carla esce dal bar con un pacchetto di sigarette, deve salire in auto, l’aspetta la sua collega, la “Annamaria”, avere una collega di ”sostegno” fa sempre bene, soprattutto a Carla, sempre trasognata, sempre innamorata di qualcuno, di qualcosa.  Chissà cosa deve aver visto riflesso per terra, per inciamparsi in un dislivello e trovarsi stessa per terra sull’asfalto, quasi volesse violentarlo per la potenza dell’urto. Frazione di un attimo, che resta scolpito più di un attimo. Frenata dall’urlo di un autista. Fermata fuori programma. Silenzio tombale,Carla intravede una scritta ”Francesca, santa fratta”. Si alza, guarda i suoi leggins, neanche uno strappo, neanche un graffio, solo 17 minuti alle otto, sorridi alla vita, invece di correre verso la prima ora killer a scuola, sarebbe potuta approdare al cimiero, nella migliore delle ipotesi al reparto ortopedia. La collega la guarda ”meno male che non era  venerdì 17” L’ autista ”le gatte hanno sette vite, tu oggi te ne sei giocata una” Ringraziare SANTA FRATTA, mi sembra il minino. A scuola  scopre che  trattasi di Fontana fratta, vicino SANTA FRANCESCA, territorio di  Veroli. Ci sarà un segno del turbinio combinatorio, a SAN VALENTINO l’appuntamento sarà a fontana fratta per scrivere un san valentino dark, intanto sorride alla vita, effetti collaterali l’autista  le sembra il fascinoso OMAR SHARIF. Dell’ urto  violento non le resta traccia, oggi l’amore è un cavaliere gentile, lei che scrive sempre storie con il sangue delle donne, oggi non ha lasciato neanche una stilla di sangue sull’asfalto.

… immagine tratta da: http://www.artslife.com/2015/07/10/addio-omar-sharif-indimenticabile-dottor-zivago/

Sorridi alla vita di Fausta Dumano… per un S. Valentino fortunato 🙂ultima modifica: 2017-02-11T19:20:10+00:00da zairo-ferrante
Reposta per primo quest’articolo

I commenti sono chiusi.