Versi d’Autore Italo-Argentino.

orologio-300x245

Imperdonabile di Carlos Sanchez È che cercando il miracolo  si è addormentato il bambino  nelle tue braccia  la mela matura  è caduta dall’albero  la parete si è spaccato  il soffitto  gocciola  le opportunità  si è fatto frantumi  lo specchio si è rotto. Hai cambiato scarpe  malinconie  furtive certezze. Aspettando il miracolo  si sono fatti notti  i giorni  veloci gli anni. … Continua a leggere

Nuovi versi di Carlos Sanchez: ecologia e poesia!!!

amazzonia-cascata-620x465

Droga ecologica di Carlos Sanchez Mi sono drogato  in questa domenica di settembre. L’aria era sottile nelle alture  il mio volo lento  i profumi intensi. Alcuni campi arati  mi ricordavano Klee  e la luce rimbalzava  sulla macchia dei boschi  si annidava nelle rocce  colava per le vene  tracciati dall’acqua. Nessuno era assente  nessuno interferiva  in questa solitudine essenziale. Come era … Continua a leggere

Giancarlo Fattori … di un amore folle

paolo_e_francesca

…agapimou fidella protinì… di Giancarlo Fattori Ancora t’amo d’un amore disperato come di freddo al giunger della sera, oltre quel promontorio annebbiato ove nel buio si desta la bufera; le acque scure in gravido agitarsi a me si volgon come feroce fiera, e in lunghe tracce i sentimenti arsi si fanno cenere, portata via dal vento, senza lasciar al cuore … Continua a leggere

E sboccia la primavera…nella poesia di Carlo Sanchez

04_primavera_big

Prudenza primaverile  di Carlos Sanchez In mezzo a questo silenzio  che non ha uguale  lo stesso sole di sempre  adesso parla  della primavera  che verrà  e nella pelle  nei pensieri  nelle idee  gocciola un beveraggio  di fiori profumati. Fuori continuano  a peggiorare le cose  ingrassando il malessere  dei conti  ristagnata l’idea  del paradiso terreno. La rassegnazione non sarebbe  durante il … Continua a leggere

Uno stravagante Carlos Sanchez… inedito!!!

m1d86kcfp

Stravagante di Carlos Sanchez Ho visto per la strada una donna anziana accompagnata dal suo bastone… un albero di mimosa che stava timidamente fiorendo. Tuo mi dirai che c’entra questo con la crisi col cattivo governo con la gente che si è riempita di povertà con la metafora che guadagnerai il pane col sudore della tua fronte con la ricchezza … Continua a leggere

Leggere in poesia con Carlos Sanchez…

untitled

Le mie letture di Carlos Sanchez L’unico confine che riconosco di lì parte le barche dell’infinito viaggio. Compagne leali di cosmica umanità alimentano i miei dubbi e la mia resurrezione. A volte parole, solo parole sangue secca e reseca altre volte mistero alimento primordiale. Le mie letture, le mie ancore i miei porti liberati l’unico reale superamento della mia dura … Continua a leggere

Carlos Sanchez… sguardi sognati!!!

GLI_AMANTI

Lo sguardo di Carlos Sanchez Ho visto un’illusione che volava tra le radici di un albero una luna sommersa nella profondità di un lago un paesaggio divorato per la cecità un bosco di fiori senza odore né colore ho visto morire la notte e rinascere il giorno la tua forma dissolversi nel vento la tua fede sospesa in un’aria vuota … Continua a leggere

Nuovi orizzonti di Rosanna Affronte

luna_g

ORIZZONTI SBIADITI Di Rosanna Affronte   mareNelle sere di luna piena ho dipinto le pareti con i riflessi di un sogno, ho camminato per le strade del mondo con le memorie del cuore, nelle albe di bruma ho piantato un seme per un futuro di pace poi in una straripante magia di echi sommessi ho allietato con le mie preghiere … Continua a leggere

“Tango notturno” d’inverno… by ZF

super_luna-71

TANGO NOTTURNO di Zairo Ferrante Giallo limone nel cielo s’alza silente come specchio al mio balcone. Tonda è la luna come la mia faccia. Come gli occhi della civetta. Che gira la sua testa come giostra di cavalli senza musica e senza festa in cerca di sorrisi. Di là sul cornicione vive la sua vita e mirando e rimirando svolazza … Continua a leggere

Versi… di Giancarlo Fattori… nella categoria coll. e sosten. del dinanimismo

donna-di-fuoco1

PARTENOPE di Giancarlo Fattori   Tu non muori, nei riflessi dorati del tramonto, ché t’aggrappi al nutrimento delle fiamme, a scintille, ai barocchi splendori delle gemme nella cui ombra, fievolmente, m’addormento.   Di fuoco, terra, acqua, è il corpo tuo sublime, le radici abbarbicate tra le rocce, sotto il sole, capelli come foglie, sguardi come fumarole, la passione che sprigioni, … Continua a leggere