La coperta di stelle e poesia del Poeta argentino…Carlos Sanchez

cielo-stellato-2

Le stelle possono aspettare di Carlos Sanchez Tento di mettere ordine  di non esagerare con gli errori  di rispettare il ritmo  che è la sua anima. Sanguina ogni tanto una rosa  vola un viso  nell’aria quieta  un ricordo millepiedi  cammina per il muro  una visione di orgasmo. Pattina per il corridoio  un bambino angosciato  si dondola un’amaca vuota tossisce l’orologio … Continua a leggere

SONETTO N°5 di Giancarlo Fattori

Beethoven Sinfonia 5

SONETTO N°5 di Giancarlo Fattori   Gli occhi mi chiude, questo dolce sonno: per pochi istanti né lacrime né pena sembrano uscir da turgida catena che il cuore stringe in invernale affanno.   E pioggia e fango e lacrima consuma il mio cammino tra gl’incantati regni, come tra grandini volteggia una piuma;   e il fato, a volte, intarsia i … Continua a leggere

Ipazia D’Alessandria… di Giancarlo Fattori

Hypatia_portrait

IPAZIA D’ALESSANDRIA di Giancarlo Fattori Scorticare il pensiero, il corpo a brandelli, spalmarne il sangue sulle mie labbra smorte, usarti le chiome per farne flagelli è gesto d’amore tra le fiamme contorte dei libri che ardono come grandi lapilli, dell’afrore lasciato di polvere e morte. Inalare gli odori delle carni bruciate come fossero droga, oh Ipazia adorata: che non furono … Continua a leggere

Il dinanimismo presenta i versi del giovanissimo Pietro Mallegni…

0673

Preludio in tristezza maggiore di Pietro Mallegni Ogni alba, che hai visto, ha segnato piano il tuo tempo, ma perfetta, ha elogiato il tuo giorno, con tutti i tramonti. Possa capire quanto sia inutile contare i minuti, i secondi e le vite. Siano fissi gli occhi al cielo, fino a vecchi diventare, per vedere se la notte, ancora una volta, … Continua a leggere

Anche gli Angeli ascoltano… ( piccolo omaggio a Rilke ).

225px-Gabriele

L’UMILTA’    di Zairo Ferrante (Inedito)   Angelo bianco che vesti   gli abiti degli umili.   E – coll’ali fulminee   color di nebbia   e lacrime neve   di brina, celanti   diamanti eptagonali –   spargi per il mondo   il tuo splendore.       Io ti prego.       Dona a me le briciole … Continua a leggere

Da Beppe Costa… un Ponte

10455368_522327351200584_5374913422218785114_n

IL PONTE DI BEPPE COSTA Arriverai ancora io in attesa nessun perdente   si coprirà d’applausi la platea i tuoni si muteranno in suoni la musica ti coprirà i seni, le gambe e i violini copriranno quel tetto opprimente ch’appariva appena un mese fa   Sarò direttore d’orchestra “per te”   Un ponte teso di triste memoria a uccidere inganni … Continua a leggere

Carlos Sanchez e il suo impaccio… poetico

41JHDVR9TkL._SX200_

Questo impaccio mio  A Cecilia Sánchez Se un’altra volta tornassi ad interrogarmi io ti risponderò nella stessa maniera forse farei gesti come di non capire: ti chiederei di ripetere la domanda. Non ho certezze da confermarti adesso a stento una manciata di parole appassite ordinate dall’azzardo della memoria: rami di un bosco di alberi pietrificati. Ho avuto una volta una … Continua a leggere

Versi d’Autore Italo-Argentino.

orologio-300x245

Imperdonabile di Carlos Sanchez È che cercando il miracolo  si è addormentato il bambino  nelle tue braccia  la mela matura  è caduta dall’albero  la parete si è spaccato  il soffitto  gocciola  le opportunità  si è fatto frantumi  lo specchio si è rotto. Hai cambiato scarpe  malinconie  furtive certezze. Aspettando il miracolo  si sono fatti notti  i giorni  veloci gli anni. … Continua a leggere

Nuovi versi di Carlos Sanchez: ecologia e poesia!!!

amazzonia-cascata-620x465

Droga ecologica di Carlos Sanchez Mi sono drogato  in questa domenica di settembre. L’aria era sottile nelle alture  il mio volo lento  i profumi intensi. Alcuni campi arati  mi ricordavano Klee  e la luce rimbalzava  sulla macchia dei boschi  si annidava nelle rocce  colava per le vene  tracciati dall’acqua. Nessuno era assente  nessuno interferiva  in questa solitudine essenziale. Come era … Continua a leggere

Giancarlo Fattori … di un amore folle

paolo_e_francesca

…agapimou fidella protinì… di Giancarlo Fattori Ancora t’amo d’un amore disperato come di freddo al giunger della sera, oltre quel promontorio annebbiato ove nel buio si desta la bufera; le acque scure in gravido agitarsi a me si volgon come feroce fiera, e in lunghe tracce i sentimenti arsi si fanno cenere, portata via dal vento, senza lasciar al cuore … Continua a leggere