Tagged with " versi"

“Gli Amici des Amis” di Zairo Ferrante – versi italo-francesi in libertà –

GLI AMICI DES AMIS

di

Zairo Ferrante

 

599Je ne peux pas

parler d’amore.

Quand le donne

sont dell’uno e

le parole sont dell’altro.

 

Eppur sorvolo questo spazio

per cercare la mia casa.

Un posto o una poltrona,

una strada o un boulevard,

che s’addica alla mia faccia.

 

Ed oggi non abito Milano e

neppur Parigi l’ho mai

né vista né ascoltata.

Eppur le vivo

tra le carte colorate e

le parole regalate

degli amici e

gli amici des amis.

E sorrido quando penso

alla grandezza dell’amore,

ch’io rivivo sussurrata,

tra le labbra d’altro uomo

e per gli occhi d’altra terra.

 

E poco importa

quel che faccio

e dove sono.

Quel che solo

posso dire è:

grazie a loro

che io c’ero.

 

(A Girolamo Melis per l’amicizia che ci lega

 e per avermi fatto scoprire l’arte di Henri Matchavariani.)

*Versi tratti dal ” Come polvere di cassetti… mentre gli Angeli danzano per l’universo” – David and Matthaus 2015

** Disegno di Henri Matchavariani liberamente tratto da: http://www.girolamomelis.it/2012/07/vi-svelo-henri-matchavariani-il-segreto.html

“La casa dove vivo” inedito di Carlos Sanchez

La casa dove vivo

di Carlos Sanchez

160205380-eb462a11-346c-4500-85e5-774206a7f7c6Che tu abbia un buon giorno 
stimato mondo 
gli aironi stanchi
riposino nel lago 
che le lucciole illuminino 
le oscurità regnanti 
che le farfalle 
ci parlino 
della brevità del tempo 
i boschi 
della meraviglia del mistero 
lascia che i pianeti 
apparentemente statici 
si muovano 
che il vento pettini 
la sensazione 
di questa breve eternità 
in noi 
non ti preoccupare della filosofia 
di tante fantastiche 
teorie religiose
e di questo assurdo vizio mio 
di scrivere poesie 
il cane abbaia 
il lupo ulula 
la cicala canta 
la sua estate.
Degli uomini 
se puoi 
cura la malattia del domani 
la barbarie dei regni 
la ferocia degli imperi.
Sii benigno 
con la brutalità 
di quelli che cercano di devastarti 
avvertili 
come tu sai fare.
Anche se ora 
essendo come sono 
appena di passaggio 
ti ringrazio la luce 
che hai messo nei miei occhi.

Folignano City, 2017

La casa en donde vivo

Tiene un buen día
estimado mundo
deja que las garzas cansadas
reposen en el lago
que las luciérnagas iluminen
las oscuridad reinante 
que las mariposas
nos hablen 
de la brevedad del tiempo
los bosques
de la maravilla del misterio
deja que los planetas
aparentemente estáticos
se mueve
que el viento peine
la sensación 
de esta breve eternidad
en nosotros
no te preocupes
de la filosofía
de tantas fantásticas 
teorías religiosas
y de este absurdo vicio mío 
de escribir poesías
el perro ladra
el lobo aúlla
la cigarra canta
su verano.
De los hombres
si puedes
cura la enfermedad
del mañana
la barbarie de los reinos
la ferocidad
de los imperios.
Se benigno
con la brutalidad
de los que intenta devastarte
adviérteles
como sé que eres capaz.
Aún
estando como estoy
apenas de paso
te agradezco la luz
que has puesto en mis ojos.

Folignano City, 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite social network.

**Foto postata dalla redazione e liberamente tratta da: http://www.repubblica.it/solidarieta/diritti-umani/2015/04/23/news/bambini_in_guerra-112650668/

Il dinanimismo consiglia: “Plasmodio” poesie di Antonio Vanni ( ed. Eva 2017 )

9788897930877_0_0_300_75“Plasmodio”, l’ultima raccolta di Antonio Vanni, un piccolo libro che semina Poesia dove un attimo prima la Poesia non esisteva.

ZF

La fontana e la luna
 
Mi rendi impossibile l’immobilità
in questo luogo,
amore riflesso amore profondo,
e son felice d’attendere il giorno
poiché io chiamo chi disseto
e ne raccolgo gli sguardi,
vicinissimi gli occhi e l’oleandro.

https://www.ibs.it/plasmodio-libro-antonio-vanni/e/9788897930877

Nuovi versi di Maria Pellino… per le pagine del Dinanimismo.

Coglierti.

di

Maria Pellino

 

marc-chagall-gli-amanti-in-blu-1914Coglierti vorrei in quell’attimo

 in cui i pensieri si raccolgono

ed un vuoto si rinnova

per la tua visibile assenza.

Reduce il mio cercarti

con occhi raggianti di luce trapelata

come ombre di nude carni

che accarezzano insolenti

il nettare di uno sconfinato amore.

Di calore le tue carezze

il mio capo infondono

a suggellare l’infinito librare

della tua impercettibile presenza.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice.

**Immagine- Marc Chagall, Gli amanti in blu, 1914 – postata dalla redazione e liberamente tratta da:http://restaurars.altervista.org/un-amore-di-chagall-la-storia-di-marc-e-bella-attraverso-le-opere-piu-note/

“Lontano” di Carlos Sanchez… …versi da meditazione sulle pagine del dinanimismo.

Lontano

di

Carlos Sanchez

DWUDN_1E se mi domandassi
perché sei seduto
di fronte alla finestra
fumando una sigaretta
guardando il fumo
che si espande
facendo circoli
piroette nell’aria
perché non ti muovi
con tante cose
da fare
te direi
lasciami stare
questo momento
è il mio momento
lontano dal rumore
del mondo
lontano dal rumore
degli uomini.

Da “Continuerò a cantare”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

Lejano

Y si me preguntaras
porqué estás sentado
frente a la ventana
fumando un cigarrillo
mirando el humo
que se expenden
haciendo círculos
piruetas en el aire
porqué no te mueves
con tantas cosas
por hacer
te diría
déjame estar
este momento
es mi momento
lejano al ruido
del mundo
lejano al ruido
de los hombres.

De “Continuaré a cantar”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2015

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore.

**Quadro “Viandande sul mare” tratto liberamente da: https://it.wikipedia.org/wiki/Viandante_sul_mare_di_nebbia#/media/File:DWUDN_1.png

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO di Giancarlo Fattori ( aprile 2017 )

SULLA TOMBA DI JEANNE E AMEDEO
 

imageViewti cola attorno alle labbra un brivido di nebbia
un traffico di baci mortificato da malasolitudine
crederti piangerti impressa un’orma sul cuscino
mi manca un momento di buio mi manca l’abitudine
timore di ghiaccio asfalto compatto
altera notte di mille domande
che scava nel profondo cercando l’inquietudine

ti cola dietro la notte un drappeggio pesante
un arido amplesso di sabbie portate dal vento
spegni il tuo tempo il tramonto la luna la lama
l’insetto rampicante taglia la spora taglia il tormento
dialettico scontro velluto di ghiaccio
mesto fragore delirio frugale
cercando l’ombroso periglio quello che non si è mai spento

ti cola dal fondo degli occhi un grigio temporale
la luce che graffia che scuote che non sai spiegare
assalti all’arma bianca un vento nucleare virale
uno sbiancarsi di volti letale che non puoi controllare
buco nero barlume silenzio
lamiera contorta fiamma notturna
mentre deflagro all’ombra del tuo livido tiepido impavido mare

dammi dolore calore e spazio mentale
dammi un bicchiere pieno di ambra minerale

Giancarlo Fattori

Aprile 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite e-mail

**Immagine postata dalla redazione del Blog e liberamente tratta da:http://www.minerali.it/scheda-scientifica/069b048f-97a5-425d-8b44-ceb32f690048/AMBRA.aspx

Distrazione… Carlos Sanchez segue l’incessante cammino della Primavera.

Distrazione

di

Carlos Sanchez

300px-Botticelli-primaveraUn vento indeciso
percorre questo paesaggio
muove timidamente le foglie
accarezza i ritagli di neve
nelle montagne.
Tra nuvole
e raggi di sole
la primavera non spera
prosegue il suo cammino.
Gli uomini dubitano
e pensano
che il tempo si fermi
e annegano
senza saperlo
nei giorni che passano.

Folignano City, 2017

Distracción

Un viento indeciso
recorre este paisaje
mueve tímidamente las hojas
acaricia los retazos de nieve
en las montañas.
Entre nubes
y rayos de sol
la primavera no espera
prosigue su camino.
Sólo los hombres dudan
y piensan
que el tiempo se detiene
y se ahogan
sin saberlo
en los días que pasan.

Folignano City, 2017

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite social network.

**quadro “la Primavera” del Botticelli postato dalla redazione del blog e liberamente tratto da: https://it.wikipedia.org/wiki/Primavera_(Botticelli)

Ritornare cambiato… poesia di Carlos Sanchez

Ritornare cambiato

di

Carlos Sanchez

1469773931138.JPG--cilento__sulla_provinciale_c_e_un_oggetto_enorme__ecco_cos_e_e_perche_nessuno_vuole_ancora_rimuoverlo__ma_il_disagio_e_tutto_per_le_autoSe io mi reincarnassi
dico
– si fa per dire –
desidererei
un passaggio semplice
non umano
di sicuro
magari un albero
un airone
una pietra
non preziosa.
L’esperienza
è stata sufficiente
sono morto
e rinato
in questa vita.
tante volte
come ho potuto. 
L’esperienza
per me
è stata sufficiente.

Folignano City, 2015

Volver cambiado

Si yo me reencarnara
digo
– es un decir –
desearía
un pasaje simple
no humano
por cierto
quizás un árbol
una garza
una piedra
no preciosa.
La experiencia
ha sido suficiente
he muerto
y renacido
en esta vida.
tantas veces
como he podido
La experiencia
para mí
ha sido suficiente.

Folignano City, 2015

*Versi ricevuti direttamente dal Poeta Argentino tramite social network.

**Foto del “masso di Aquara” postata dalla redazione liberamente tratta da: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11935217/cilento-masso-strada-un-anno.html

Amore travolgente di Maria Pellino… versi per il Dinanimismo con quadro di Chagall

Amore travolgente

di

Maria Pellino

094140512-625f3f4b-6007-43e7-a86c-e6420ce6351eSognai di te un amore travolgente,

di tale gagliardia così intangibile

che si impresse desiderabile

 nel mio cuor servente.

Dimenticai quel volto che sfuggiva ai miei occhi

e mi rivolsi alla fiamma

che infuocava le sfinite membra.

 Amai, di passione sconvolta.

Come un uragano fagocitai

 sul mio cammino il nulla.

Della forza che mi invase

 ne conservai un barlume

che distante si affievolì di colpo.

Orsù con ardore, attinsi vigore e lustro

 dai colori dell’universo tutto intero,

così che il mio sogno si dipinse

   della luce infinita di un amore travolgente.

*Versi ricevuti direttamente dalla Poetessa tramite e-mail.

**Immagine quadro di Chagall, ”Compleanno” postata dalla redazione del Blog e liberamente tratta da: http://www.repubblica.it/speciali/arte/gallerie/2014/11/08/foto/amore-100058180/1/#1

Senza privilegi di Carlos Sanchez… …difendiamo la nostra terra!!!

Senza privilegi

di

Carlos Sanchez

wounded-knee-1973-ap-240Abbiamo consumato un altro pezzo de sole
ritagli di montagne
gli esigui boschi
le correnti di acqua multicolori
che assediano i formicai
le piazze le strade
abbiamo consumato
le incertezze di un mondo migliore
l’idea indemoniata di avanguardia
lo sterile benessere di pochi
le vacche volatili
le galline che depongono le uova
l’orto astratto
la cucina oziosa
i territori recintati
le ribellioni rinchiuse
alcuni dei disuguali
competitive
il diritto storto
la giustizia assai bendata
l’eccesso di velocità
nei sentieri incas
maya aztechi
– per suggerire soltanto
una parte del mondo –
socratizziamo
il ragionamento incoronato
l’interpretazione dei sogni
la nefasta globalizzazione
frutto di un errore di base
idealizziamo un principio
che ignoriamo
una fine che non vedremo
un illuso ritorno messianico
al rodeo
pidocchi di un cane
rognoso
affabulatori disinformati
manifestanti afoni
nella visibilità di nascoste astuzie
di poteri nuvolosi
nel cielo di questo mondo.
La poesia non è un privilegio
né un arma intelligente
è una querelle
un ululato forzoso
civilizzatore
in questa oscura calamità.

Di “Tutto scorre come un fiume”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2012

Sin privilegios

Consumamos otro pedazo de sol
retazos de montañas
los exiguos bosques
las corrientes de agua multicolores
que acechan los hormigueros
las plazas los caminos
consumamos
las incertezas de un mundo mejor
la idea endemoniada de vanguardias
el estéril bienestar de unos pocos
las vacas voladoras
la gallinas ponedoras
el huerto abstracto
la cocina ociosa
los territorios alambrados
la rebeldías encerradas
unos dioses desiguales
competitivos
el derecho torcido
la justicia harto vendada
el exceso de velocidad
en los senderos incas
mayas aztecas
– para sugerir sólo
una parte del mundo –
socratisemos
el coronado razonamiento
la interpretación de los sueños
la nefasta globalización
fruto de un error de base
idealicemos un principio
que desconocemos
un final que no veremos
un iluso retorno mesiánico
al rodeo
piojos de un perro
sarnoso
fabuladores desinformados
manifestantes afónicos
en la visibilidad de ocultas astucias
de poderes nublados
en el cielo de este mundo.
La poesía no es un privilegio
ni un arma inteligente
es una querella
La poesía no es un privilegio
civilizador
en esta oscura calamidad.

De “Todo fluye como un río”
Lìbrati, Ascoli Piceno, 2012

*Versi ricevuti direttamente dall’Autore tramite social network

**Foto postata dalla redazione e liberamente tratta da:http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tempo%20libero%20e%20Cultura/2008/05/storie-storia-resa-wounded-knee.shtml

Pagine:1234567...13»