Italia: politica e mercimonio… estratto dal blog della Scrittrice Giovanna Mulas

lughe4Vivevo da pochi mesi nel paese di Lanusei, quando venni fermata da un lontano parente che non sapevo di avere. Avvicinandosi complice, ricordandomi la nostra ‘parentela’, mi aveva mostrato fiero una sua foto elettorale; era in corsa per un sedicente partito politico con sede locale, modesta lobby di amici degli amici. L’avevo guardato, muta e interrogativa.
“DEVI votarmi, siamo parenti”.
Avevo sorriso, e mio marito con me.
“Io non vendo il mio voto”, avevo risposto con una certa durezza che mi appartiene.
Il ‘parente’ mi aveva guardato come una spostata; era evidente l’abitudine locale all’acquisto di voti al bar. Ci rimase così male da togliermi il saluto. Del resto sappiamo che il provincialismo fa molti più danni dell’ignoranza.
Il sistema corruzione Italia, così radicato, deve un deciso, storico ringraziamento tanto ai politicanti quanto agli elettori o aspiranti tali; cellule cancerogene che, ad oggi, continuano a causare, pascere o propagare il cancro.Eppure Amici miei, il voto, OGNI voto, è fondamentale; in grado di cambiare la Storia.
Non si mette in saldo la Storia, il futuro dei nostri ragazzi.
E l’assenza di meritocrazia in Italia, gli scandali dovuti a mancanza di professionalità ed etica, i posti di lavoro ereditati di padre in figlio… : tutto, tutto continua a comporre il marcio della Nazione, mediocre colonia abitata da elementi che non distinguono la politica dal mercimonio.
Indefinibile guasto per una Società in volontà di uniformità: chi non comprende i propri limiti non è in grado di metterne dove e quando necessari.
Chi, corrotto quindi corruttore, sceglie la scorciatoia, mai potrà comprendere il sacrificio: mai potrà sostenere, se non tramite inganno e mediocrità, un qualsiasi ruolo… ( CONTINUA SU: http://giovannamulasufficiale.blogspot.it/2016/11/italia-politica-e-mercimonio.html )

Con i Versi di Carlos Sanchez… per e nelle Marche!

Una cartolina di Folignano City

Di

Carlos Sanchez

MarcheLo splendore del paesaggio marchigiano 

nella mia mente nata lontana 

la festa del silenzio 
i pioppi gli olivi le querce 
i vigneti
e quel colore del cielo limpido 
i boschi le valle i fiumi 
le creste dorate delle montagne 
il sole graffiando i tetti 
dei paesi con secoli di storia
de cultura.
Tutto questo in questo dolore presente
in questa terra che non finisce 
di placarsi.
Qui stiamo sperando 
senza sapere 
in questa nuvola oscura 
col respiro contenuto 
misurando il tempo 
tra macerie
tra crepe 
fra tremori.
Ci fa male che la terra respiri
così voracemente 
noi che amiamo questa terra.

Novembre, 2016

Una postal de Folignano City

El esplendor del paisaje marchigiano
en mi mente nacida lejana
la fiesta del silencio
los álamos los olivos los robles
los viñedos
y ese color del cielo límpido
los bosques los valles los ríos
la crestas doradas de la montañas
el sol arañando los tejados
de los pueblos 
con siglos de historia
de cultura.
Todo eso en este dolor presente
en esta tierra que no termina
de placarse.
Aquí estamos esperando
sin saber
en esta nube oscura
con el respiro contenido
midiendo el tiempo
entre escombros
entre grietas 
entre temblores.
Nos duele que la tierra respire
tan vorazmente 
nosotros que amamos esta tierra.

Noviembre, 2016

**Versi ricevuti dall’Autore tramite social Network

La provocazione stilistica di Fausta Dumano: L’artista querulo, quello inutile, giocando con le parole di Rocco Zani

Cuba_libreUna sigaretta, pensa  Carla ,serve ad allentare un po ‘ la tensione, il dietro le quinte in certi incontri alle mostre  serve a respirare, Carla è cresciuta tra gli odori e i sapori dei colori, anche prima tra gli artisti circolava un odore di pettegolezzo geloso, ma oggi in certi artisti respiri il lezzo maleodorante dell’ invidia, Il clima  era meno acido, lei cerca di tirarsi fuori dalle diatribe -Fumo di pall mall, arriva lui , il Maestro, che gioca con abilità con le parole, della pittura, i maestri si riconoscono, indossano la giacca dell’ umiltà, hanno un dono  sconosciuto ai più,in un ‘ epoca in cui la modestia sparisce al primo vagito. Carla da sempre raccoglie le parole che il maestro semina , ogni volta ingravida la sua mente. Lei è perennemente incinta, a volte è una gravidanza gemellare, perché lui apre più piste, più sentieri di ricerca. Lo riconosce da lontano, anche al buio sa sentire silenziosa la sua presenza. Anche senza parlare, con gli sguardi sanno decifrare le parole non dette, lui sa  leggere il silenzio delle parole bianche, lei sa ascoltare  anche i puntini di sospensione. Un ‘ armonia costruita nel tempo, lei è sempre l’ allieva, anche quando percorrere autonomamente nuovi sentieri, nessun figlio verrà alla luce senza l’ intervento assenso del maestro. In sala parto durante il travaglio si accorge che sovente ci sono le virgolette , sta citando delle parole prese in prestito da lui,dal maestro. La sigaretta è interrotta dall’arrivo di un artista, uno di quegli artisti che sono saliti da soli sopra il piedistallo, senza che altri ne sapessero in realtà l’ esistenza.Pochi attimi  prima Carla ne aveva evitato un altro di quelli dio mi ha fatto a sua immagine e somiglianza. Si intromette tra loro, quelli che si sentono dio, hanno questa prerogativa , cercano di attirare subito l’ attenzione su di loro, usano tutte le armi chimiche a disposizione, passano in mezzo ai gruppi ,parlano a voce alta da soli al cellulare con improbabili galleristi ”Da quando tempo, vieni alla mia mostra venerdì?” Il maestro ”di pomeriggio?dio:”no , la mattina”, il maestro ”la mattina lavoro ”dio:”ho i miei seguaci , Carla pensa che con il termine seguaci indichi i figli piccoli da inseguire nella mostra, invece dio chiarisce ”mi copiano, seguono le mie lezioni e mi copiano, vincono pure i premi, mi copiano, solo che io faccio le cose grandi grandi ”Il maestro” non vi ho presentato, lei è Carla scrive di arte ”dio :”scrive come tanti , il mondo è pieno di gente che scrive d’arte ”La loro conoscenza è morta, appena cominciata …… dio va via, camminando sulle acque della sua onnipotenza. Carla e il maestro ridono  all’unisono. Il cerchio si allarga, arrivano altri amici, la Elena ”ve la ridete”,  il maestro ”di gente strana ne va in giro” Elena allora ”ah con  Carla si fanno sempre incontri strani”……………..”Veramente, dice il maestro, è innocente, sono sempre più convinto, continua il maestro che ci sia l’artista inerte, l’ inutile e l’ equilibrista.”Carla spiegati ” Il maestro comincia allora a tratteggiare le tipologie dei volti e delle maschere inutili . Mentre il maestro parla davanti agli occhi di Carla si materializzarono prima l’ artista ”querulo” si introduce con fare distratto e con il codazzo di famigliari, scivola annoiato  tra le tele altrui, commentando con occhi lividi il disappunto per artisti che inseguono utopie troppo lontane dalle sue , è l’ epicentro statico del sapere e ogni diversità dalla sua arte gli arreca disturbo psico visivo . L’ artista querulo cita un curriculum esagerato, noto soltanto a lui, diffidente attraversa il corridoio immaginario, le sue opere sono state collocate nella periferie estrema, strepita furioso contro tutto e tutti, Urla che mai più parteciperà ad una stupida rassegna d’ arte, nulla lo può consolare, neanche la moglie con occhi spenti, che tenta di rammentare quale sia stata se mai c’ è stata  la prima volta del marito artista ”Spostati  Carla, sta arrivando l’ artista inerte, è quello che per cercarlo non ti  serve il cerca persone per trovarlo, lui sta li immobile, serafico di fronte alle sue opere come se una colla ne impedisse il movimento …Adesso invece andiamo da loro, sono dei grandi, la loro grandezza è l’ umiltà, si mettono in discussione, sono pronti ad imparare, sono dei maestri …cARLA sorride, ”sono andata in rete  pensa di dio c’è un solo articolo, l’ ho scritto io tempo fa, in quel periodo che davo fiato ad ogni granello di sabbia, pensando che fosse l’ universo ”Sbagliando si cresce, bisogna imparare dagli errori, un Cuba libre ”

*Scritto ricevuto direttamente dall’Autrice.

**Immagine postata dalla redazione e liberamente tratta da:https://it.wikipedia.org/wiki/Cuba_libre

Nuovi versi di Maria Pellino… e l’eterna diatriba tra amore e ragione.

psiche_nozzeAmore travolgente.

di

Maria Pellino

 

Sognai di te un amore travolgente,

di tale gagliardia così intangibile

che si impresse desiderabile

 nel mio cuor servente.

Dimenticai quel volto che sfuggiva ai miei occhi

e mi rivolsi alla fiamma

che infuocava le sfinite membra.

 Amai, di passione sconvolta.

Come un uragano fagocitai

 sul mio cammino il nulla.

Della forza che mi invase

 ne conservai un barlume

che distante si affievolì di colpo.

Orsù con ardore, attinsi vigore e lustro

 dai colori dell’universo tutto intero,

così che il mio sogno si dipinse

   della luce infinita di un amore travolgente.

*Versi ricevuti direttamente dall’Autrice: http://e-bookdinanimismo.myblog.it/2016/06/04/il-dinanimismo-presenta-maria-pellino-i-versi-regalo/

**Immagine postata dalla Redazione del blog e tratta da:http://www.settemuse.it/arte/storia_di_amore_e_psiche.htm  

Bob Dylan Nobel letteratura 2016… e la profezia del Dinanimismo che si realizza!!!

blowinfreeUn Nobel, quello conferito a Dylan, che finalmente libera la Poesia da anni di reclusione. Non un’arte esoterica accessibile a pochi, non una disciplina da praticare solamente in qualche sparuto e “dotto” salotto ma la Poesia come voce dell’Anima a disposizione di tutti, in qualsiasi momento e in qualunque parte nel mondo. Questo rappresenta per il Dinanimismo il Nobel per la letteratura 2016 e quanto segue è, invece, un breve estratto – oserei dire profetico – dal primo manifesto Dinanimista del 2009:

…A chi mi rivolgo? A tutti, proprio tutti, a coloro che amano la Poesia, a coloro che La odiano, a coloro che fanno, a coloro che pensano di fare o di non fare Poesia, a coloro che dicono: “la Poesia non fa per me”, a coloro che pensano che la Poesia sia fortuna di pochi, qualità e virtù di certa cerchia ristretta di persone. Sempre più gente si allontana o evita di avvicinarsi a questa forma “Innata d’Arte” e sempre più “Dotti” cercano di spacciare la Poesia come un qualcosa di non accessibile a tutti. Signori miei, “mercanti di classismo” secondo me, siete sulla strada sbagliata!

La Poesia è Anima, anzi è la voce dell’Anima, è istinto, è voglia di vivere, è uno dei pochi mezzi (insieme alla Musica ed alle Arti visive e figurative) che permette, a mio avviso, di dialogare in silenzio con noi stessi. E partendo dal presupposto che tutti abbiamo un “Anima”, mi sembra facilmente intuibile che tutti abbiamo la capacità di ascoltarla e soprattutto capirla. Basta imparare la sua lingua, una lingua che può essere semplice o complessa questo non importa, una lingua che adotti termini “antichi” o che inventi parole nuove questo non è un problema, una forma che contempli le rime o che le fugga questo è personale. L’importante è che sia Poesia, l’importante è che sia Anima, l’importante è che si ascolti quest’Anima. Ormai signori miei, il mondo corre veloce…

Zairo Ferrante

Bob Dylan – Blowin’ in the Wind

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, ‘n’ how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, ‘n’ how many times must the cannon balls fly
Before they’re forever banned?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.
Quante strade deve percorrere un uomo
prima che tu possa definirlo un uomo?
E su quanti mari deve volare una colomba (1)
prima di riposare sulla terraferma? (2)
E quante volte devono fischiare le palle di cannone
prima di essere proibite per sempre?
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento, (3)
la risposta ascoltala nel vento
How many years can a mountain exist
Before it’s washed to the sea?
Yes, ‘n’ how many years can some people exist
Before they’re allowed to be free?
Yes, ‘n’ how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn’t see?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.
Per quanti anni può resistere una montagna (4)
prima di essere erosa dal mare?
E quanti anni possono resistere gli uomini
prima che sia consentito loro di essere liberi?
E per quante volte un uomo può distogliere lo sguardo
e fingere di non vedere?
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento,
la risposta ascoltala nel vento
How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, ‘n’ how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, ‘n’ how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin’ in the wind,
The answer is blowin’ in the wind.
Quante volte un uomo deve guardare in alto
prima che possa vedere il cielo?
E quante orecchie deve avere un uomo
prima di poter sentire gli altri che piangono?
E quante morti ci vorranno prima che (l’uomo) riconosca
che troppi sono morti?
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento,
la risposta ascoltala nel vento

Traduzione tratta da: http://www.musicaememoria.com/bob_dylan_blowin_in_the_wind.htm

*Immagine postata dalla redazione e liberamente tratta da: http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=101

QuellA pArolA AnArchicA che le sfugge… di Fausta Dumano

50Nel cuore della notte Carla si sveglia  , puntuale quando le fa male il cuore si sveglia nel cuore della notte , proprio in quell’ istante realizza che la notte ha un cuore ,è quel momento che sta nel mezzo ed è circondato dal buio ,per vedere deve accendere la luce , quella artificiale , le servirebbe un cuore artificiale,il suo è pieno di graffi, di lividi , di cicatrici ,sembra  un paese straziato di croci .Fumo di pall mall,un attacco di asma , parole soffocate,parole strozzate ,no, non è colpa di quella sigaretta , sa riconoscere i sintomi .Lui le ha fottuto il cervello,ha gettato i semi ,l’ ha ingravidata .Lei vorrebbe fuggire lontano , m è come paralizzata ,Una striscia nera le riga il volto,non dovrebbe usare il mascara , perché poi con le lacrime si forma un impacco colloso .Carla non dorme mai a casa con un uomo, a meno che non sia un gay irriducibile,Carla ieri sera dopo quel cuba  libre avrebbe voluto invitarlo a salire a casa sua , vorrebbe scrivere un racconto d’ amore , lui è un artista della parola,le costruisce arcobaleni di versi  che lancia come aquiloni nel cielo .L’ invita a correre ,a raggiungere quell’ aquilone .Per lei ha composto la nuova versione di ”un viaggio chiamato amore”Appena prova a sfiorarle il corpo, Carla fugge,getta la scheda del cellulare,diventa per giorni irrintracciabile,poi il cuore le scoppia , le si poggia sulla mano ,lei timidamente ricompone quel numero , chiedendogli di accompagnarla al reparto cardiologia, ci sarà un cuore per amanti smarriti lasciato in donazione organi?Vorrebbe un cuore appartenuto a quelle storie d’ amore di quelli che sono invecchiati invece,quei cuori  che smettono di battere insieme e all’ unisono partono per l’ altrove per inseguirsi in un viaggio lunare……Nel cuore della notte lei da tempo apre il computer per dar voce alle protagoniste dei suoi racconti,occhi neri , occhi sbattuti agli armadietti,corpi sventrati, corpi saccheggiati , lei scrive  con il sangue delle donne , lei è un corpo sventrato , saccheggiato .Si guarda allo specchio,vede due donne , una ride,una piange , quella che ride , le dice che anche il cuore è rosso , potrebbe scrivere con il rosso del cuore, l’ altra le consegna SANTA SEBASTIANA  dicendole puoi scrivere con le frecce insanguinate .Lui assiste silenzioso e come un cavaliere errante della notte le scrive ”Sono venuto da un pianeta lontano per squarciare le tenebre della notte , oltre il cuba libre c’è un coctail ”Orgasmo”lo sanno miscellare solo pochi cavalieri ”Lei Marco Lodoli  dopo SNACK BAR  ha divorziato ”Lui ”Adesso non citarmi pure ”l’ albergo delle donne tristi, ”il cuore cucito,pensa ”LA DONNA ALLA RICERCA DEL DIAFRAMMA ”……Carla ”Certo , ma quella l’ avrà trovata poi quella parola anarchica che le sfugge , che la tiene sveglia la notte??Lui ”Cerchiamola insieme  quella parola anarchica che mi tiene sveglio la notte ,…..altrimenti Dante per l’ eternità  mi farà dormire  cercando quella parola”

* Scritto ricevuto direttamente da Fausta Dumano.

**Foto di Ferdinando Tartaglia postata dalla redazione del blog e liberamente tratta:http://www.arivista.org/riviste/Arivista/325/50.htm

Due parole su Tartaglia:

« Tu già fosti ruscello
e poi quel fiume
che inondò la terra dei miei giorni.
Così la tua alluvione fosse alta
e tracimasse l’argine di fine
io m’abbandonerei lento per lune
bianco di bianco a l’acqua di morire »
(F. Tartaglia, Poesie. Esercizi di verbo, 2004)

Il pensiero di Tartaglia si muove dalla necessità di una trasformazione radicale del cristianesimo, che provocò il suo progressivo allontanamento dalle istituzioni ecclesiastiche.[5] Molti dei suoi scritti ci raccontano della lotta contro la disperazione di questo sacerdote vitando che cerca il rimedio ai sintomi apocalittici della terra: rinnovare e capovolgere tutto dall’interno, con la fede nella Realtà Nuova. Essa, senza più divisioni e barriere confessionali, può trasformare radicalmente il quadro buio e sanguinante del mondo “antico” in cui siamo costretti a vivere.

L’impossibilità di Dio a rispondere alle implorazioni umane, sentita intimamente da Tartaglia, corrispondeva al suo desiderio missionario di reagire lottando, al suo desiderio di raccogliere vecchi e bambini abbandonati nella sua villa di campagna, al suo legame con Germaine Muhlethaler… continua su: https://it.wikipedia.org/wiki/Ferdinando_Tartaglia

Confesando un amor di Carlos Sanchez

Confessando un amore

di

Carlos Sanchez

1923218_1050214050858_6816911_nMia cara 
quanti anni di fedeltà 
ci accompagnano 
mi hai salvato 
delle promesse senza memoria 
dei consigli senza radici 
dei dolori sani 
della difficoltà di vivere 
in questa esigua libertà 
di ambigue valenze 
di strani sotterfugi.
E se parlo del dolore 
della sofferenza 
di quello che tante volte 
sembrava un finale 
tu eri sempre presente 
con la tua immensa lealtà 
con tuo essere sulle mie labbra.
Mi hai salvato 
tante volte la vita 
mia cara ironia.

Folignano City, 2016

Confesando un amor

Mi querida
cuántos años de fidelidad
nos acompañan
me has salvado 
de las promesas sin memoria
de los consejos sin raíces
de los dolores sanos
de la dificultad de vivir
en esta exigua libertad 
de ambiguas valencias
de extraños subterfugios.
Y si hablo del dolor
del sufrimiento 
de lo que tantas veces
parecía un final
tú estabas siempre presente
con tu inmensa lealtad
con tu estar en mis labios.
Me has salvado 
tantas veces la vida
mi querida ironía.

Folignano City, 2016

*Versi ricevuti direttamente dal Poeta tramite social Network

**Immagine postata dalla Redazione del blog e liberamente tratta dal profilo facebook del Poeta.

Il dinanimismo sostiene il restauro della Reggia del Carditello …da gioiello del Regno delle Due Sicilie ad ostaggio della camorra.

Reggia-di-Carditello-768x465Con questo breve post/rassegna è mia intenzione sostenere e pubblicizzare un importantissimo lavoro di restauro, che si pone come obbiettivo quello di restituire ai Campani e a tutti gli Italiani la Reale tenuta di Carditello.

Una grandissima e maestosa Opera d’Arte ignobilmente abbandonata al suo destino, in balìa dei “fuochi”, in quella terra per troppo tempo considerata  di “nessuno” e quindi ritenuta erroneamente persa e/o irrecuperabile.

 

Un segno, questo, di civiltà e di presenza.

Presenza di uno Stato che finalmente sembra ricordarsi che anche Lei, quella “terra di nessuno” – che in un tempo non lontano rappresentava un posto ricco, florido e avanguardista – esiste e deve essere tutelata e protetta insieme a Chi, onestamente ( e sono la maggior parte ), la vive e la “respira”.

Zairo Ferrante

La Reggia di Carditello sottratta alla camorra

7 MARZO 2016ARTE

Acquisizione e progetto di restauro

di Massimo Bray

Dal numero di marzo 2016

La Reggia di Carditello, creata nel 1744 da Carlo di Borbone, che vi aveva impiantato un allevamento di cavalli, sorge a San Tammaro (Caserta), nell’area nota oggi come la Terra dei Fuochi al centro di camorra, rifiuti, soprusi e degrado; un tempo era un territorio fertile dotato di un paesaggio straordinario e unico, in cui si coltivavano e si allevavano diverse e rare specie vegetali e animali.
Carditello faceva parte di un gruppo di ventidue siti (tra i quali la Reggia di Caserta, quella di Portici, la Reggia di Capodimonte e il Palazzo Reale di Napoli) appartenenti alla dinastia reale dei Borbone di Napoli: erano luoghi dedicati allo svago e alla caccia della famiglia reale e dove si sperimentavano nuove tecniche e prodotti agricoli (si pensi, ad esempio, alla mozzarella creata per la prima volta in una fattoria di Carditello).

Ammirata persino da Goethe

L’antico splendore di questa reggia, che fu insieme tenuta di caccia e azienda agricola altamente specializzata, secondo il volere e gli ideali illuministici di re Ferdinando IV di Borbone (1751-1825), è riconoscibile non solo in quello che resta delle sue architetture, giardini e arredi, ma anche perché divenne un modello per le pratiche agricole e zootecniche e si meritò l’ammirazione persino di Goethe… CONTINUA SU:http://www.lindiceonline.com/focus/arte/la-reggia-di-carditello-sottratta-alla-camorra/

Finalmente iniziati i lavori alla Reggia di Carditello. Minacce di morte all’ex ministro Bray

Massimo Bray, ex ministro per i Beni Culturali e oggi direttore dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, è un simbolo della rinascita di Carditello: sotto il suo mandato, infatti, nel gennaio 2014, dopo molte aste andate a vuoto, la Sga (società controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze) ha acquistato all’asta la reggia, per poi trasferirla al Ministero dei Beni e delle attività culturali, avviando un progetto di restauro e valorizzazione del sito.

Durante una visita di Bray alla Reggia di Carditello in restauro è stata ritrovata una lettera minatoria a lui indirizzata:

“Ti avevamo detto di non tornare a Carditello altrimenti saresti morto”.

Intanto la Reggia comincia la sua lenta rinascita.

Lo Stato sembrerebbe esserci per una volta anche qui nella Terra dei fuochi (grazie alla tenacia di persone come Massimo Bray). CONTINUA SU: http://www.artslife.com/2015/08/04/finalmente-iniziati-i-lavori-alla-reggia-di-carditello-minacce-di-morte-allex-ministro-bray/

Dal sito dei Beni Culturali:

La Reale tenuta di Carditello, detta anche Real sito di Carditello oppure, con riferimento alla palazzina ivi presente, Reggia di Carditello, faceva parte di un gruppo di 22 siti della dinastia reale dei Borbone di Napoli posti nella Terra di Lavoro: Palazzo Reale di Napoli, Reggia di Capodimonte, Tenuta degli Astroni, Villa d’Elboeuf, Reggia di Portici, Villa Favorita, Palazzo d’Avalos nell’isola di Procida, lago di Agnano, Licola, Capriati a Volturno, Cardito, Reale tenuta di Carditello, Reale tenuta di Persano, Fusaro di Maddaloni, Selva di Caiazzo, Sant’Arcangelo, Reggia di Caserta, San Leucio, Casino del Fusaro, Casino di Quisisana, Mondragone e Demanio di Calvi.

Questi siti non erano solo semplici luoghi per lo svago (soprattutto per la caccia) della famiglia reale borbonica e della sua corte, poiché, è importante sottolineare, che in alcuni casi costituivano vere e proprie aziende, espressione di imprenditoria ispirata dalle idee illuministiche in voga in quei tempi. Si citano per esempio gli allevamenti della Fagianeria di Caiazzo, la produzione della seta a San Leucio, la pesca al Fusaro, gli allevamenti della Tenuta di Persano e del Demanio di Calvi.
Il Real sito di Carditello è stato consegnato, nel maggio 2016, dal Polo museale della Campania alla Fondazione omonima, nata da un accordo tra il Ministero dei beni culturali e ambientali e del turismo, la Regione Campania e il Comune di San Tammaro.

Il libro degli eventi …è aperto sempre a metà… di Fausta Dumano

2122 luglio – Lei oggi diventa ufficialmente una ‘prof”dopo anni di precariato , l’ agognato posto di ruolo,con tutte le nuove incertezze,la chiamata diretta del dirigente,ma oggi  lei si sente nell’ olimpo , finalmente il suo nome è preceduto da quel ”prof”, non è affetta da supplentite…sono dei traguardi ,delle scalate importanti , soprattutto quando le hai raggiunte con determinazione e sacrifici .Oggi è stanca,vorrebbe dormire ,recuperare notti insonni , ma anche ristabilire il suo fuso orario,è anche una scultrice appena tornata da una mostra in america.Così giovane, nel suo curriculum c’è già una mostra ”americana”22 luglio si lascia travolgere da un ‘ amica , una mostra ad Arpino un paese del frusinate , lei campana ne ignora la collocazione,una mostra in un castello .Anche le location rendono il libro degli eventi  da sfogliare.Il castello come in tutti i centri storici sorge sempre in alto,la strada  principale è chiusa al traffico,una corsa di motociclette.Una macchina con una sposa la precede,si potrebbe seguirla , la macchina scompare per un altro percorso.Un nuovo  segnale anche la strada alternativa è chiusa, per la stessa corsa di motociclette.A piedi il castello è” lontanuccio,”soprattutto con quei tacchi.IL Vigile ”ma non potete passare da quest’ altra deviazione,regola numero uno nella vita i divieti vanno interpretati , a volte bisogna fottersene .Nuovo percorso per le strettoie dei vicoli di un centro storico,qui si misura l’ occhio,l’ abilità, ma anche determinante il mezzo usato , un centimetro più larga l’ auto e resti intrappolata a vita..Ma si stai  maledicendo il momento che sei entrato in questo tunnel ,che ti sembra cieco, non vedi luce.Sollievo hai sfidato l’ impossibile ,sei uscita illesa , senza neanche un graffio sulla macchina .Nel castello incontri amici di sempre, conosci nuove persone .Poi all’ improvviso la coda dell’ occhio ti porta ad un volto .All’ improvviso pensi un’ allucinazione, realizzi ”è lui”lo segui ….il giorno che Lei diventa prof , il turbinio  combinatorio fa  incontrare una napoletana e un romano in un castello di un paese sperduto  ARPINO .LUI è lui , il lui che da studentessa ti ha aperto gli orizzonti , l’ artista che sei oggi lo devi a lui, la donna che sei oggi è la studentessa di ieri .Seduta nel cortile ,un caffè,occhi lucidi , scorre in bianco e nero il film di quegli anni , l’ accademia.E se tu seduta accanto a lei , nell’ ascoltarla entri nel film ”la vita è un’ emozione ”sai ancora sentire quella miscela deflagrante di sensazioni,che rende la vita un miscuglio di iodio, ossigeno,potassio .Ogni elemento che hai vissuto , ogni granello oggi ti sembra abbia partecipato a comporre il libro degli eventi Stanotte non dormirai ,dietro l’ angolo ci sono i tuoi 19 anni  , un filo invisibile nel labirinto ti ha portato qui , sfoglia sempre il libro degli eventi puoi colorarlo di emozioni…

…*Scritto ricevuto direttamente da Fausta Dumano tramite e-mail

**http://www.unoetre.it/notizie/scuola-diritto-studio/itemlist/user/442-faustal’insognatadumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L’Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d’arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell’arcipelago della sinistra.
Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell’ agenda della politica tanto da creare la prima festa dell’albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell’arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti… è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l’integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell’idea dell’amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Pagine:«1234567...59»