Browsing "NOTIZIE SU E DAL DINANIMISMO"

DOPO IL “DINANIMISMO” NASCE IL “ROBOTISMO”

 

Neofuturismo e Arte Elettronica: Robotismo!

di Roberto Guerra (FuturGuerra)

-da Marinetti ai Kraftwerk-



Persino Internet, in sé, come ben compreso dal netfuturista Antonio Saccoccio , è semplicemente estetica futurista, della macchina, oggi tekno o electro futurismo non stop, il quasi leggendario Regno della Macchina marinettiano, come chi scrive ha evidenziato nel saggio on line futuribile e psicanalitico La Poetica di Internet.


Pertanto, alla luce della Rete, dell’informatica age, la discussione futurismo, neofuturismo, arte elettronica o ciberculture (per dirla con il….solito De Kerckhove, dopo il solito _potenza del genio- Marshall McLuhan-persino è superflua). I netfuturisti ad esempio, proprio per autodefinizione tecnonaturale sono arte elettronica allo stato puro, qualunque cosa facciano nel web (il Web è il Messaggio!), post, blognet, skype art, oltre ai più “classici” (!) video, manifesti – pura Poesia Totale o Elettronica o Visiva alla Spatola eccetera…


Tutto il futurismo contemporaneo, come evidenziato anche recentemente dallo scrittore Dinanimista Zairo Ferrante, promotore del Dinanimismo come neofuturismo squisitamente letterario, in sé è elettronico, cibernetico nel senso hard filosofico e-o sistemico come l’intenderebbero probabilmente gli stessi Norbert Wiener, J. Von Neumann e lo stesso Marvin Minsky, o, ai giorni nostri oltre a…Negroponte.. gli stessi Riccardo Campa e Ugo Spezza del Movimento Transumanista,padri e figli del nascente Uomo postumano o Homme Robot….


E l’arte cosiddetta transumanista è già segnale chiaramente robotista, dalla leader mondiale del movimento culturale scientifico appunto dei futurologi transumanisti- Natasha Vita More- agli stessi cyberpunk storici William Gibson e Bruce Sterling… Robotismo non solo attraverso le Macchine concretissime ma anche Astratte, Immaginarie, letterarie…


Ancora….. tutta la nuova generazione cyberpunk anche italiana, tra arte e critici: dai Connettivisti (e Sandro Battisti in particolare) ai vari (storici nomi anche) Caronia, Giovannoli, Capucci, Marziani, Boschi.. il giovanissimo M. Teti (per certo robotismo giapponese contemporaneo)


Ecco, forse, dove cercare il link password formula matemagica… per codificare il futurismo, oggi, come arte elettronica in senso, ora, stretto, pur nel relativismo del vettore: Robot! Parola, segno, sogno, significante, archetipo del futurismo (che lo chiamava Uomo Meccanico o Moltiplicato…), della fantascienza, del nuovo Immaginario scientifico (la scuola di Jung stessa….): dalle versioni antropomorfe alla Asimov (o alla Asimo della Honda…), all’automazione e alla domotica, ai micro-nano- robot quasi di Second Life. Non ultimo, nell’inconscio collettivo e soprattutto la fantasia modernissima dell’uomo moderno, non solo nei laboratori o nelle avanguardie artistiche, ma on … in …of the road…


Arte Elettronica Futurista? Video e Computer Art, Computer Music, Net Art, Second life…..ma pure tutta la cosiddetta estetica tecnologica, dai futuristi all’arte programmata, certo informale, spazio-nucleari, a certa pop art, a certo situazionismo, certo cinema, certa poesia (sonora, visiva anche… totale), certo teatro d’avanguardia….certo cinema fantascientifico, non ultimo quello Made in Japan, anche d’animazione, da Godzilla a Goldrake a Manga e Anime! Nomi? Tra gli artisti Marinetti…, Walt Disney, Andy Warhol, Christo, Nam June Paik, Stanley Kubrick, John Carpenter, Wachowsky (Matrix…) naturalmente il Cameron rivoluzionario di Avatar; dichiarati o meno.


Oggi tra i nuovissimi Roberto Carraro, Claudio Castelli, Aviador Dro. (Nomi puramente indicativi, anche, in un tourbillon apertissimo, di cui magari semplicemente You Tube, digitando la formula tecnomagica futurismo video e affini, è indizio in progress e live…). Nell’area strettamente postMarinetti…come accennato, l’incredibile equipe di Netfuturismo, Net/Web Arte pura (i vari Antonio Saccoccio, Gianni Giorgetti, Gian Luca Ballarani e altri) esplosi nell’anno del centenario, in particolare a Torino, Futurismi e Futuristi. Robotismo neofuturistico disseminato anche nei centri propulsori dell’arte elettronica o video nazionali (Milano, Bologna, Napoli, Trieste).


Graziano Cecchini (Poetica neosituazionista dell’Algebra Digitale) l’avanguardia electrovideo di Ferrara (capitale in fine novecento… da Plessi e Cattani a oggi Landini, Forlani a D.J Afghan a Futurguerra a Verdoia a V. Teti, Eugenio Squarcia, Maurizio Ganzaroli, Alberto Rizzi, Alessandra Fabbri a Massimo Croce).


Ma il robotismo neofuturista, si diceva, esiste già fin dai futuristi storici, incluso il futurismo europeo (Bauhaus) e quello russo (Costruttivismo, Suprematismo): tutta la cosidddetta estetica tecnologica (i vari Moles, Lea Vergine-Arte Programmata, fino alla Video Arte, la Computer Art, la Musica elettronica). Una renaissance particolarmente trasparente anche nel linguaggio riguarda certa musica elettronica cosiddetta technopo o persino futurista. The Robots dei mitici tedeschi Kraftwerk (futuristi dichiarati) è una sorta di soundtrack del robotismo! Ma tutta la techno generation, inlcusa, oltre ai vari David Bowie, Brian Eno, Rokets, Devo, Ultravox, Gary Numan, Depeche Mode, Daft Punk e cos’ via.


Questa – ma anche qua i nomi puramente quasi indicativi- la flotta multicolore in libertà del neofuturismo elettronico che è tempo – a livello strettamente futurista- di chiamare ufficialmente Robotismo, per evidenziare la sua specificità, rispetto alla Matrice- futurista-tutt’oggi centralmente viva e attiva, ma da differenziare per captare tutta la luce delle stelle contemporanee e irradiarla nei crani ancora neandarthaliani del cosiddetto Homo Sapiens! Noi Robot così caldi così freddi! Anche romantici, se necessario, più umani degli umani!


Roby Guerra futurista Coordinatore x Ferrara Associazione Italiana Transumanisti (sede a Milano)


Video 1 Moana Lisa Cyberpunk Futurguerra

http://www.youtube.com/watch?v=355nwfkJyuk



Video 2 The Robots Kraftwerk

http://www.youtube.com/watch?v=Eg6baEGVl58

 

– contro la casta culturale italiana-

 

FUTURISMO POST-MARINETTI

– contro la casta culturale italiana-


Il centenario futurista, che volge al termine, dopo centinaia di eventi in Italia e all’estero, ha rivelato non soltanto la persistente attualità dell’avanguardia italiana, certo interesse sorprendente dei contemporanei, la sua continuità, dimostrata da alcuni gruppi “neofuturisti”, tutt’oggi attivissimi e persino anche interfacciati, ma anche – neppure in controluce- certa casta culturale italiana, anche nell’area futurista, che è tempo di smascherare e terminare.


Come magari suggerisce uno dei gruppi “neofuturisti” protagonisti del rilancio del Futurismo, con il volume cartaceo più importante uscito nel fatidico 2009, Divenire 3 Futurismo, (con saggi o testi degli stessi Roberto Guerra e Graziano Cecchini) a cura infatti dei Transumanisti di Riccardo Campa, Sociologo della Scienza (sede a Milano), Associazione Culturale Scientifica, sezione Italia del celebre Humanity +, la casa madre internazionale, movimento disseminato in circa 100 paesi, con illustri scienziati, intellettuali tra i suoi aderenti, (da Marvin Minsky e il fondatore Nick Bostrom a …Bruce Sterling, padre del Cyberpunk con lo stesso William Gibson..), il futurismo contemporaneo, al passo con il suo DNA autentico e originario, ha come interlocutori privilegiati proprio il mondo della scienza e la sua evoluzione tecnoscientifica. Può benissimo recidere il residuo cordone ombelicale con l’arte convenzionale e i suoi glossatori… storici o critici d’arte, criptici…, fuori sincronia con il divenire estetico stesso.


L’ambiente storico-critico ha svolto per il centenario un ruolo ambiguo, contraddittorio: importante per la divulgazione contemporanea e -suo malagrado- per il rilancio del futurismo: involontario effetto, perchè, quasi esclusivamente si è trattato di celebrazioni e archiviazioni, tranne rare eccezioni (come i transumanisti), in flagrante disInformazione e scarso aggiornamento culturale.


Dagli anni sessanta ad oggi, la continuità futurista è documentata nella cultura italiana: dopo Internet i fatti e tale continuità ulteriormente rintracciabile….Azione Futurista Roma-Ferrara(Rosso Trevi e chi scrive…), Netfuturismo, Connettivismo, Post Futurismo Oggi… Evidentemente la casta culturale italiana, anche quella d’area futurista, non naviga in Internet, oppure in malafede ignorano la continuità futurista.


Quel che sorprende non sono tanto certi storici o critici d’arte convenzionali, magari improvvisatisi a volte curatori di eventi del centenario futurista: sorprendono certi critici d’area futurista o dell’avanguardia sicuramente a conoscenza di certa continuità futurista: intellettuali neppure banali, anzi persino relativamente creativi, alcuni di loro persino a suo tempo contestati per le loro ricerche e rilancio stesso del futurismo storico, operazione encomiabile che oggettivamente sarà sempre ricordata…


Va da sé, quasi sazi, del Centenario, siccome non han detto una parola sulla continuità futurista, complici della storicizzazione generale e d’archiviazione della casta culturale italiana tout court.


Unica eccezione, tra gli storici d’area, l’eterno Luigi Tallarico, non solo da sempre promotore della continuità futurista, ma curatore di un paio di eventi centenari live (coinvolgendo anche almeno uno degli ultimi futuristi, il pittore Antonio Fiore Ufagrà) e puntualmente, autore del volume Futurismo: la Continuità.


Invece, ad esempio: Giovanni Lista, che pure collaborò attivamente nel secondo novecento, storico di grande spessore sia ben chiaro, con il gruppo sopravvissuto all’inquisizione post seconda guerra mondiale, ovvero Enzo Benedetto e nei fatti- la rivista Futurismo Oggi, attiva fino al 1993, interfacciata persino con il Moma di New York e il Centre Pompidau…, ha nell’anno del centenario poco evidenziato se non il contrario tale continuità.

Oppure, lo stesso Bonito-Oliva, padre della transvanguardia, altra mente certamente elevata: nel più importante special telvisivo sul Futurismo, il Futuro del Futurismo, trasmesso da Rai Due (Palco e Retropalco del 19 2 , alla vigilia del 20, data ufficiale di fondazione dell’avanguardia di Marinetti), dedicato ai centenari più significativi, con scansioni rapide su tali eventi, era tra i critici intervenuti, con lo stesso Giovanni Lista oltre a Giordano Bruno Guerri (quest’ultimo rara eccezione perchè sempre attento e alla storia e al suo evolversi).

Ebbene sia Lista che Bonito Oliva evidentemente non hanno mai guardato la trasmissione mandata in onda. Visto che tra i centenari era evidenziato anche uno dei pochissimi eventi centenari non solo celebrativi ma a cura di futuristi contemporanei attivi. Vale a dire il centenario di Ferrara, a cura di Azione Futurista di un certo Graziano Cecchini Rosso Trevi e il futurista ferrarese Roberto Guerra (ex Futurismo Oggi!), con la presenza stessa tra gli altri dei transumanisti Riccardo Campa e Stefano Vaj, persino via video clip Antonio Fiore e lo stesso Valerio Zekkini.


Altri storici ben noti d’area non han- per così dire- parlato! E così via.

Va da sé, siccome la conoscenza aggiornata è almeno patrimonio acquisito anche per la storia dell’arte, quale metodo di credibilità e autorevolezza, metodo scientifico, o meno, la disinformazione italiana contemporanea sul Futurismo e la sua continuità, confuta in sé, piaccia o meno, la stessa critica futurista convenzionale.


Terminiamola! Se non altro, anche, ci si permetta un vezzo ultraoggettivo uno di noi (Guerra), ha edito diversi saggi in merito, fin dal 1989 (!), lunghi o brevi, proprio anche su Futurismo Oggi, oltre ai volumi Marinetti e il Duemila e l’Immaginario Futurista del 2000, il primo appunto ristampato nel 2009 dai transumanisti. Quindi anche Guerra appartiene alla casta culturale di storici e critici d’arte (come virus ovvio!).


AZIONE FUTURISTA NEOFUTURISTI DINANIMISMO FERRARA ROMA AQUARA (SALERNO)


Roby Guerra

Graziano Cecchini

Zairo Ferrante

Maurizio Ganzaroli

Storia del neofuturismo (1950-2009) di Roberto Guerra

Storia del neofuturismo (1950-2009) di Roberto Guerra

La cosiddetta storia del neofuturismo (cosiddetto anch’esso- come vedremo) in realtà, alla luce sia delle conoscenze storiche sia del centenario del 2009, dopo decenni di oblio spesso in malafede degli storici dell’arte oppure per disinformazione e assenza di .. download e aggiornamenti, in realtà altro non puo’ essere che la storia della continuità futurista, dopo Marinetti, dopo la scomparsa di Marinetti e la fine del Movimento “storico” del 1944 del secolo scorso.

Neo, post, trans o altri “neologismi” associati alla parola futurismo ….ha un mero valore relativo, per evidenziare, nell’arco dell’unica avanguardia capace, piaccia o meno, di riprodursi e quasi (con una metafora) clonarsi per un secolo intero, semplicemente certo divenire storico, necessariamente in progress e con variabili autonome ed originali, ma sempre innestate nella matrice del Futurismo storico di Marinetti e dei Manifesti fondatori.

Basti pensare, che persino “accademicamente, si è spesso parlato di secondo o anche terzo futurismo, persino di neofuturismo, anche per quel che riguarda il futurismo degli anni 20, 30, 40 sempre del Novecento.

Dati storici verificabili e documentabili, non soltanto in documenti on line, ma nell’editoria italiana e negli archivi di quotidiani e riviste, possiamo distinguere, fermo restando la premessa succitata, i seguenti neofuturismi….CONTINUA http://futurguerra.blogspot.com/2010/01/storia-del-neofuturismo-da-futurismo.html

ufficializzazione dinanimismo

 

COMUNICATO UFFICIALIZZAZIONE DEL DINANIMISMO:


E ‘con immenso piacere vi comunico Che Che il DinAnimismo (movimento poetico rivoluzionario delle anime) è Stato ufficializzato divenendo così l’area poetico / letteraria del più AMPIO Movimento artistico / scientifico Neo-futurista.

A questo punto mi sembra doveroso fare qualche precisazione, Soprattutto per sfatare Alcuni falsi miti su tutti QUESTI “ismi” Che possono spaventare il lettore o rappresentare motivo di critica poco costruttiva.

Infatti parlando di DinAnimismo Si parla di un movimento del tutto libero Che ha come unico Scopo Quello di Difendere e Promuovere la Poesia come voce dell’Anima espressione ed.

E ‘ovvio visione racconto Che è figlia di un pensiero Romantico Che Però DEVE evolversi per restare al passo col Che tempo fugge veloce e per Essere di supporto all’uomo nuovo, all’uomo del XXI sec.

Ecco quindi, anche spiegata la collocazione di un Nuovo neo-romanticismo letterario / poetico nel Neo-Futurismo, movimento Quest’ultimo Aperto a tutte le correnti artistiche, del web, filosofiche e scientifiche Che Mirano uno supportare, aiutare e proiettare l’Uomo nel futuro imminente.

Ecco Che va benissimo Parlare di Neofuturismo o Neoromanticismo, purchè tutti QUESTI “ismi”, considerati come vengano Archetipi.

Mi piace immaginare il Neo-futurismo come un grande contenitore Quale nel correnti artistiche, filosofiche e scientifiche, (anche diverse tra Loro e tra queste ovviamente c’è anche il DinAnimismo) Passano interagire e crescere senza ostacolarsi, con solo il grande obbiettivo comune: l ‘Uomo Futuro.

Ovvio Che questo discorso vale anche per il Dinanimismo, Che DEVE Essere inteso che vengono nel contenitore Quale interagire Passano Poeti e Scrittori e crescere senza ostacolarsi, con la speranza Che Tali Scambi Passano ben nascere opere libere, non vincolate e frutto della personale Anima da consegnare all’Uomo presente e possibilmente anche a Quello Futuro.


Detto questo Vi ringrazio e Vi auguro uno splendido felice,, romantico, poetico, ricco e dolcissimo ANNO FUTURO!


P.S. È possibile leggere l’articolo su dell’ufficializzazione controcultura SuperEva al seguente link:

http://guide.supereva.it/controcultura/interventi/2009/12/dinanimismo-e-neofuturismo-letterario/


 

 

MICROCHIP (MANIFESTO) NEOFUTURISTA

1983 – MICROCHIP (MANIFESTO) NEOFUTURISTA
di Roberto Guerra



* da Roberto Guerra, Fiori della Scienza, Poesie, Thc Polimedia, Ferrara
** poi in Opere Futuriste Complete (Nomade Psichico, 2000)
***poi in Futurismo: Manifesti Scientifici (Este Edition, 2008, libri on line)
“La morale futurista difende l’uomo dalla decomposizione determinata dalla lentezza, dall’analisi, dal ricordo e dall’abitudine. L’energia nuova centuplicata dalla velocità dominerà il tempo e lo spazio”


FILIPPO TOMMASO MARINETTI

L’era cibernetica suggerisce una co-scienza cibernetica: la tecnofantasia futurista suggerisce un rapporto vivente con l’estetica della realtà. L’era della scienza suggerisce la dissoluzione organica di religione e mito, nonché la valorizzazione delle intuizioni presenti in tali sistemi di comprensione umana storicamente superati. Politicamente, il capitalismo industriale (pre-cibernetico) e il comunismo sono incompatibili con la natura scientifica dell’uomo: perché entrambi sono l’esatta negazione della libertà umana. Il problema, a rigor di logica, non è quale chiesa scegliere, ma come vivere nel rispetto del principio di realtà, deducibile dall’etica della conoscenza scientifica (Jacques Monod), dalla psicoanalisi di Freud, dall’umanesimo marxista, dalle avanguardie artistiche, dall’Illuminismo… dei nostri antenati di Parigi e… Atene, dalla semiotica dei massmediologi critici. Al di là del bene e del male, c’è l’aurora del nuovo mondo, ma anche le tenebre del vecchio: da cui il cinismo dell’impotenza… La paura irrazionale contemporanea delle macchine è l’ultima fuga dalla libertà della nostra società industriale, ancora inquinata di religione.


NOI TRASFORMIAMO IL ’68 PERDENTE IN UN COMPUTER VINCENTE!

http://www.este-edition.com/prodotti.php?idProd=332

RECENSIONI

E RECENSIONI LINK SULL ‘-BOOK “DINANIMISMO” di Zairo Ferrante:

-ESTENSE. COM QUOTIDIANO ON LINE DI FERRARA:

http://www.estense.com/?module = displaystory & story_id =56874 & format = html

FUTURISMO-2009:

http://blogs.myspace.com/index.cfm?fuseaction=blog.view&friendId=198626630&blogId=518524226

-ADNKRONOS:

http://www.adnkronos.com/IGN/UGC/?ugcid=46645

N.B.

PER SCARICARE O Consultare L’E-BOOK RICERCARLO SOTTO LA VOCE “CATEGORIE”

BUONA LETTURA

Pagine:«1...89101112131415