Che fine ha fatto la dignità dell’Arte-Cultura?

250px-Lorenzo_de_Medici.jpgDi seguito riporto una lettera del grande Poeta Beppe Costa, pubblicata sul sito dell’Artista, altrettanto grande, Giovanna Mulas (pluricandidata al premio Nobel e vincitrice di oltre 50 premi Nazionali ed Internazionali). In questo sito, voce libera di Arte e Poesia, la voglio riproporre, ed ovviamente sottoscrivere, nella sua versione integrale; non solo per i sentimenti di sincero affetto ed indiscussa stima che nutro nei confronti di Beppe Costa, Maestro, tra Pochi, della poesia contemporanea, e di Giovanna Mulas, grande Donna ed emblema di dignità, prima ancora che grande Scrittrice ed Artista. Ma anche perchè, disidererei che chiunque la leggesse, per caso o volutamente, si interrogasse non tanto sul perchè, ma sul come sia possibile che, in un Paese definito civile e “sviluppato” come il nostro,  la Cultura, l’Arte e l’Uomo Artista vengano, oggi, rilegati ai margini dalle Istituzioni e dal potere, quando per secoli hanno rappresentato una risorsa (tra l’altro immensa) sia per l’Italia che per il Mondo intero?
Quale futuro può avere un Paese in cui la figura del Professore scolastico e non, a cui spetta il compito di creare gli Uomini del domani, viene sistematicamente  svalutata, violentata ed emarginata proprio da quelle Istituzioni e da quel potere che dovrebbero, invece, valorizzarla e proteggerla?
Io stesso, e purtroppo come me tanti Altri, spesso ci ritroviamo a constatare ed  affermare, che chi intraprende una carriera di Studi Classici, in Italia, è costretto a non poter fare ed essere quello per cui ha studiato, sgobbato e sudato. 
Quindi, contro questa svalutazione istituzionale dell’Arte e contro questo “omicidio legalizzato” della Cultura, io (con dignità, umiltà  e controcorrente) reclamo il mio diritto ad eleggere “Manifesto in difesa dell’Arte e della Cultura” la seguente lettera, affinchè, nel XXI secolo, non esistano più “casi” come quello “Alda Merini”, ma solo Artisti e Poeti come Alda Merini.
Zairo Ferrante
(dal movimento Dinanimista)
29-12-2010 
LEGGE BACCHELLI PER GIOVANNA MULAS!

di Beppe Costa

Raccolgo gli appelli che arrivano da poeti e scrittori:
Giovanna Mulas scrittrice sarda ha bisogno di tutti noi. Sosteniamo cosi’ come fu fatto per Alda Merini che ha ricevuto il sussidio come scrittrice dopo infinite traversie e appelli in eta’ assai avanzata.

Caro Presidente, per dirla alla Gaber, sono orgoglioso di essere italiano, perche’ scopro, non grazie alla tv o ai giornali, che abbiamo musicisti, scrittori e poeti che, bistrattati e sconosciuti in vita, dopo la morte, a volte molto dopo, gli stessi critici che li hanno condannati li festeggiano, gli stessi giornali, gli stessi giornalisti.
Qualche volta si salvano per motivi che sono i piu’ strani, se Pasolini non fosse stato “misteriosamente” ucciso ci sarebbero 5, 6, 12 programmi all’anno sulla sua morte? Neppure mezzo sulla sua opera. E gli altri Pratolini, Vittorini, Berto, Sciascia, persino Moravia???
Possibile che alcuni dei nostri monumenti nazionali della letteratura valgano meno di un semaforo?
Ma i nostri monumenti letterari non hanno piu’ neppure quello spazio su RAI TRE fra le 3 e le 4 del mattino, almeno quello! No! Neppure quello!
Nel 1986 riuscii, durante il governo Craxi, con l’aiuto di Adele Cambria e di Dario Bellezza, a fare applicare per la prima volta la legge Bacchelli, in favore di Anna Maria Ortese, festeggiata oggi con tavole rotonde, libri, articoli su giornali, qualche volta dagli stessi che l’avevano emarginata in vita e che, durante la mia battaglia in suo favore, non si fecero avanti, salvo qualcuno come Leone Piccioni e qualche sparuto altro.
Quella lotta mi costo’ grande fatica e mi distrusse e allontano’ piu’ di quanto non fosse accaduto alla Ortese.

Fernanda Pivano, Arnoldo Foa’, Giovanna Mulas, il caso piu’ attuale, o Alda Merini sono e sono stati un onore per il nostro paese? Se si’, si pensi anche a loro, in vita, o almeno non si “festeggino” dopo.
Qualche volta li si vorrebbero senatori ma, accade che qualcuno poi protesti per la loro eta’ che non e’ molto diversa da quella di Andreotti! O no?

E’ possibile leggere altre lettere al seguente link: http://www.giovannamulas.it/lettera.html

Ritratto di “Lorenzo il Magnifico” tratto da wikipedia

 

 

Che fine ha fatto la dignità dell’Arte-Cultura?ultima modifica: 2010-12-29T15:02:00+00:00da zairo-ferrante
Reposta per primo quest’articolo

1 Commento

  • Per le donne che hanno soferto senza parlare

    “Una cantone”…………………..(Una canzone)…

    Si solu aio potidu bolare comente cherzo deo
    Se solo potessi volare come vorrei,
    tio attraessare sas trassas de su coro tou
    sorvolerei le distese del tuo cuore

    e cun su respiru a t l’iscaldire
    e col respiro riscaldarle
    cantendedi serenadas a s’iscuru
    Intonando serenate al buio.

    E dae s’altu de unu monte
    (e dall’alto di un monte
    tio falare bolende pro t’aggiuare in su sonnu
    per proteggere il tuo sonno

    de sas lagrimas tuas mi tio attattare
    (delle tue lacrime mi sazierei
    pro diventare su tou su meu
    (per trasformare il tuo in mio.

    De tene tio faghere cobertura
    (di te farei il mio tetto
    e dae sos malannos a ti cuare
    (proteggendoti dai malanni

    e su sole cun sos brazzos ti cherzo dare
    ( il sole con le braccia terrei
    pro t’iscaldire senza faghere fogu
    (per riscaldarti senza IL fuoco.

    E in beranu cun tegus a manutenta
    in primavera con te mano nella mano
    a intendere su sonu de su coro
    (sentire il suono del cuore

    e de su tempus passadu s’immentigu
    (scordando il passato
    pro apprezziare de pius su presente
    ( godendo del presente.

    A nos bidere ispassizzende
    (per vederci passeggiare
    in tirighinos e calmos trainos
    (tra i viottoli e calmi ruscelli

    affidendennos a su destinu
    (affidandoci al destino
    e bidende attesu cantende e riende
    e guardando lontano ridendo e cantando

    Che piseddos
    (come fanciulli
    chi carignana cussu giogu
    (che accarezzano quel gioco

    custa cantone dae cudd’ala de su chelu
    (questa canzone da oltre il cielo
    ti canto!!.
    (ti canto!!.

Lascia un commento